A+ A A-
 

Michael Schenker e la sua Flying V sono in ottima forma. Michael Schenker e la sua Flying V sono in ottima forma. Hot

Michael Schenker e la sua Flying V sono in ottima forma.

recensioni

gruppo
titolo
“Immortal”
etichetta
Nuclear Blast
Anno

Line up:
Michael Schenker - Guitar, Vocals
Ronnie Romero - Vocals
Ralf Scheepers - Vocals
Joe Lynn Turner - Vocals
Michael Voss - Vocals
Barry Sparks - Bass
Steve Mann - Guitar, Keyboard
Bodo Schopf - Drums
Simon Phillips - Drums
Brian Tichy - Drums

Guests:
Gary Barden - Vocals
Robin McAuley - Vocals
Doogie White - Vocals
Derek Sherinian - Keyboards

Tracklist:
01. Drilled To Kill (04:31)
02. Don´t Die On Me Now (04:52)
03. Knight Of The Dead (04:05)
04. After The Rain (04:26)
05. Devil's Daughter (04:20)
06. Sail The Darkness (03:37)
07. The Queen Of Thorns And Roses (04:03)
08. Come On Over (04:19)
09. Sangria Morte (04:16)
10. In Search Of The Peace Of Mind (06:27)

opinioni autore

 
Michael Schenker e la sua Flying V sono in ottima forma. 2021-02-07 18:25:28 Corrado Franceschini
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Corrado Franceschini    07 Febbraio, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Michael Schenker, a sessantacinque anni, sembra essersi lasciato alle spalle i vizi che lo avevano portato su una strada pericolosa. Rimane un uomo dal carattere difficile e con un ego pronunciato ma, dal punto di vista musicale, gli va riconosciuto uno standard qualitativo di buon livello. La mia convinzione deriva dal fatto che seguo la produzione di Schenker dall’epoca del doppio L.P. “One Night At Butokan” (1981) e, da allora, non sono mai rimasto deluso.Per festeggiare i cinquant’anni di carriera, quaranta dei quali da solista, il chitarrista teutonico ha rispolverato la vecchia sigla MSG e di sicuro non è un caso se fra i cantanti (R. Scheepers, J.L.Turner, Ronnie Romero, Michael Voss) troviamo Gary Barden. Le dieci tracce di “Immortal” vedono schierata una pletora di ospiti che si alternano e/o collaborano fra loro. Queste riunioni di nomi altisonanti, spesso, rappresentano un’arma a doppio taglio perché rischiano di deludere le aspettative dell’ascoltatore. Non è questo il caso dato che ad ogni ospite, sono stati dati spazi adeguati allo strumento suonato. Per ciò che riguarda i cantanti, invece, sono stati cuciti loro addosso i brani adatti ai rispettivi stili. “Drilled To Kill” garantisce una partenza al fulmicotone. La voce di Ralph Scheepers dei Primal Fear ci fa compagnia mentre scorrono le note di un pezzo battente e “corazzato” come è tradizione del miglior Power Metal. Una cosa che non ci si aspetta da uno come Schenker ma che risulta ben riuscita. Con “Don’t Die On Me Now” si rientra nelle classiche coordinate del MSG ovvero la coniugazione del genere Hard con la melodia. “Knight Of The Dead” è un brano che non mi ha particolarmente colpito dal punto di vista vocale però dal punto di vista musicale, grazie anche alla sua velocità, è apportatore della voglia di fare un furioso headbanging. ”After The Rain” è un semilento trascinato e dondolante. “Devil’s Daughter” possiede un riff a scale dal tenore Boogie n’Roll ma non disdegna la melodia supportata da una chitarra che ha un ampio spazio per esprimersi. “Sail In The Darkness” ricorda molto da vicino la famosissima “Holy Diver” di Dio ma ha anche le caratteristiche dei pezzi del MSG del primo periodo. La fase intermedia è molto buona e la Flying V diventa la grande protagonista pur non seguendo pedissequamente il ritmo. “The Queen Of Thorns And Roses” è un Hard “ristretto” semplice e scorrevole. “Come On Over” si piazza fra le migliori canzoni di “Immortal” grazie alla sua grinta e alla sua cattiveria. Riff semplici e incisivi, preparano il terreno a una chitarra che spadroneggia e cambia più volte il tenore durante l’esecuzione delle fasi soliste. “Sangria Morte” ha dei piccoli innesti che vogliono ricordare il maestro Ennio Morricone e, pur non brillando per originalità, ha un ritornello che risulta vincente. La conclusiva “In Search Of The Peace Of Mind” fa confluire la melodia in una fase oscura piazzata oltre i centosessanta secondi, per poi procedere con una marcia semilenta. Ancora una volta la possente Flying V di Schenker si erge a protagonista facendo intuire che la pace della mente è tale solo in apparenza. Il lavoro di registrazione ai Kidroom studios, così come quelli di mix al Kidwood studio e mastering al CS mastering di Vienna, non deve essere stato affatto semplice visto il cospicuo numero di ospiti ma, tutto sommato, il risultato globale è più che soddisfacente. “Immortal” è un disco che incarna alla perfezione il motto: “Volere è potere” e questo vale sia per il Michael Schenker musicista che per l’uomo.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Energia allo stato puro dalla Finalndia con i rockers Temple Balls
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Troppe influenze varie rendono un po' dispersivo questo secondo album degli Iron Flesh
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Troppo elevata la durata complessiva del comunque buono primo album dei Malformity
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Secondo album per la Death Metal band danese Shadowspawn
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nuovo EP per gli Achelous che anticipa l'uscita del prossimo full-length
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
U.D.O.: un live monolitico!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dama, un progetto interessante per chi si nutre di hard rock e metal a 360 gradi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Da Torino, un hard rock classico e davvero ben fatto grazie ai Red Giant
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il relax della deprivazione sensoriale offerta dagli Aphonic Threnody
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un'altra band nata dall'annata pandemica: debut EP per i Sumen
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Katana Cartel: l'importanza di uno splendido artwork
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla