A+ A A-
 

Kromheim: dalla Polonia un discreto biglietto da visita in puro viking style Kromheim: dalla Polonia un discreto biglietto da visita in puro viking style

Kromheim: dalla Polonia un discreto biglietto da visita in puro viking style

recensioni

gruppo
titolo
Kromheim
etichetta
Autoproduzione
Anno

Tracklist:
1. Prayer
2. Freedom
3. Revenge
4. Storm Of The Gods

Line Up:
Mikolaj Poplavski – vocals, all instruments

opinioni autore

 
Kromheim: dalla Polonia un discreto biglietto da visita in puro viking style 2021-02-14 15:24:49 Gianni Izzo
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Gianni Izzo    14 Febbraio, 2021
Ultimo aggiornamento: 14 Febbraio, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dalla Polonia arrivano I Kromheim, in realtà una one man band del musicista Mikolak Poplavski, che si occupa di tutto in questo EP omonimo di quattro tracce. Poplavski fonda i Kromheim proprio nel 2020 e, lo stesso anno, fa subito uscire questo breve lavoro autoprodotto.

Tematiche e musiche di chiara ispirazione scandinava, quello dei Kromheim è un viking metal, ben suonato e ben interpretato, che presenta quattro brani, potenti e melodici quanto basta, dosando entrambe le caratteristiche senza eccedere, Poplavski riesce ad essere vario e interessante, passando da tirate ed epiche canzoni come “Prayer” e “Revenge” (in quest’ultima i toni si fanno anche più oscuri), rientrando in atmosfere epic black, fino ad arrivare ad un brano folk e “festaiolo” come “Freedom”.

Non parliamo di spiccata originalità, gli Amon Amarth sono dietro l’angolo, ma certamente questo breve lavoro è un buonissimo biglietto da visita se amate il melodic death più epico e guerresco. Di fronte alla varietà dei brani, il growling iper cavernoso (e un pochino effettato?) di Poplavski mi è sembrato un filo monocorde e talvolta mal si sposa con la musica, ma c’è tempo per migliorare anche questo aspetto. Per ora un dischetto più che discreto per i Kromheim.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gengis Khan, passione ed attitudine per l'heavy metal
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Aeonblack: seguaci del buon vecchio heavy metal
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Helstar: un doppio cd che raccoglie le più recenti uscite
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ævangelist: ma non converrebbe continuare con un nuovo nome?
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Wizards of Hazards: nel segno della tradizione dark metal
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un buon debut album omonimo per i Malice Divine dell'ex-Astaroth Incarnate Ric Galvez
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Skyhammer ed un EP un po' troppo old-style
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Marco Garau's Magic Opera: come deve essere il power sinfonico
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un breve EP di debutto che passa in sordina per i Tedio
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kromheim: dalla Polonia un discreto biglietto da visita in puro viking style
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalah, un'altra prova dell'incompetenza del music business!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla