A+ A A-
 

Una piacevole sorpresa questo EP dei polacchi Inhumanity Vortex Una piacevole sorpresa questo EP dei polacchi Inhumanity Vortex Hot

Una piacevole sorpresa questo EP dei polacchi Inhumanity Vortex

recensioni

titolo
Reverse Engineering
etichetta
Autoproduzione
Anno

PROVENIENZA: Polonia 

GENERE: Progressive Death Metal 

FFO: Pestilence, Decapitated, Cynic, Atheist, Death 

LINE UP: 
Lech Fiedorczyk - vocals (session) 
Tom D. - guitars 
Jarosław Jefimiuk - bass (session) 
Michał Franczak - keyboards (session) 
Kévin Paradis - drums (session) 

TRACKLIST: 
1. Cybermod [02:48] =VIDEO= 
2. Morbid Chromatics [03:53] 
3. The Ongoing Binary [02:59] =VIDEO= 
4. Absorption [04:39] 
5. Through the Infinite [05:03] 
6. Tech Noir [04:48] 

Running time: 24:10 

opinioni autore

 
Una piacevole sorpresa questo EP dei polacchi Inhumanity Vortex 2021-03-04 20:11:47 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    04 Marzo, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Attivi fino a poco tempo fa col semplice nome di Inhumanity, gli Inhumanity Vortex sono il solo project del chitarrista Tom D., che arriva alla prima pubblicazione col nuovo monicker con questo "Reverse Engineering", in cui si avvale dell'aiuto di ben quattro musicisti sessione, tra i quali spicca senz'altro il nome di Kévin Paradis dei Benighted. Definire la proposta degli Inhumanity Vortex "semplicemente" Progressive Death sarebbe riduttivo: sono molti gli elementi che possiamo ritrovare in questo EP di sei tracce per 25 minuti circa di durata: dal ProgDeath dei Death, a fraseggi dalle influenze Jazz/Fusion tipiche di Pestilence, Cynic ed Atheist, fino ad arrivare al TechDeath dei primi Decapitated e ad elementi Groove/Death dell'attuale incarnazione della band polacca. Il risultato è un dischetto vario, che colpisce sia per l'alto tasso tecnico messo in campo, sia perché nonostante i vari elementi che ne formano il sound risulta non essere in lavoro dispersivo, complice anche una durata dei brani bene o male nella media. Tom D. insomma non ci tiene a strafare e pur puntando molto sulla tecnica non si perde in lunghi momenti onanistico-strumentali, scegliendo invece per un lotto di brani che riesce ad essere compatto. Anche le forti atmosfere sci-fi, che trovano il loro zenit in "The Ongoing Binary", agevola la sensazione di avere per le mani un lavoro dalla gran varietà scritto ed eseguito in maniera sopraffina.
Una piacevole scoperta insomma questo "Reverse Engineering" degli Inhumanity Vortex. Va dato atto a Tom di essere stato capace di scrivere un disco particolarmente interessante, che saprà di certo colpire i malati dell'ipertecnica nella musica estrema, ma saprà anche non annoiare chi predilige un impatto più diretto.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Con soli due brani, gli irlandesi Coscradh vi prendono a scudisciate in faccia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli australiani Hecatomb un demo dalla produzione ormai anacronistica
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano gli scozzesi Lunar Mantra con il loro Black Metal melodico ed evocativo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Terzo studio album per i russo-nipponici Traumatomy
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un lavoro solista solido e convincente per lo storico singer Robin McAuley
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Segnatevi il nome dei Nightshadow!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Immortal Sÿnn virano verso il thrash
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Conquistador", il debutto super-complesso degli Stone Healer
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Haunt: nel segno della tradizione
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Agli Hellsike! serve un cantante migliore
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Assolutamente promosso il debut album omonimo degli inglesi Cult Burial
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla