A+ A A-
 

Magnum: un'apprezzabile restyling Magnum: un'apprezzabile restyling Hot

Magnum: un'apprezzabile restyling

recensioni

gruppo
titolo
“Dance Of The Black Tattoo”
etichetta
Steamhammer/SPV
Anno

Line-Up:
Tony Clarkin – Guitar
Bob Catley – Vocals
Rick Benton – Keyboards
Dennis Ward – Bass
Lee Morris – Drums

Tracklist:
1. Black Skies (live) [6:06]
2. Freedom Day (live) [6:20]
3. All My Bridges (live) [4:55]
4. On A Storyteller’s Night (live) [5:09]
5. Dance Of The Black Tattoo (live) [5:53]
6. On Christmas Day (radio edit) [4:21]
7. Born To Be King [5:31]
8. Phantom Of Paradise Circus [5:88]
9. No God Or Saviour [5:24]
10. Your Dreams Won't Die (live) [5:44]
11. Twelve Men Wise And Just (live) [6:22]
12. Show Me Your Hands (radio edit) [3:48]
13. Not Forgiven (radio edit) [3:38]
14. Madman or Messiah (radio edit) [3:41]

opinioni autore

 
Magnum: un'apprezzabile restyling 2021-03-06 11:13:27 Corrado Franceschini
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Corrado Franceschini    06 Marzo, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ecco, siamo alle solite! Ogni volta che esce una sorta di antologia o di “Best of”, chiamatelo come volete, la domanda che mi pongo è sempre la stessa: “Devo giudicare la band e la proposta musicale, già nota, o la confezione e l’interesse per la stessa?” Sapete tutti chi sono i Magnum e cosa rappresentano all’interno della scena Hard Rock/A.O.R. mondiale. “Dance Of The Black Tattoo” è composto da quattordici pezzi che, se siete dei fans della band, avete già ascoltato in varie versioni. Dove sta la novità? Nel fatto che sono stati tutti rimasterizzati e attualizzati nel suono che è stato reso più carico e avvolgente. Inoltre sono usciti come radio edit, pezzi dal vivo pescati dall’enorme archivio in possesso dei Magnum o come bonus tracks. La qualità, inutile dirlo, è alta e la voce di Bob Catley, se pur “rotta” dall’età, dal vivo regge ancora. Le tastiere di Rick Benton ammantano il tutto e aiutano non poco a riempire il tutto ma lo fanno con sapienza e senza sovrastare troppo i compagni d’avventura. Difficile tirar fuori dal cilindro dei brani che svettano su altri: ce n’è per tutti i gusti a partire dall’iniziale “Black Skies” che ci porta in un mondo fatato fatto di Rock e melodia. Il Progressive e il Pomp Rock sono ben rappresentati da “On Christmas Day” il cui testo si schiera contro la guerra. Ancora più Progressive è la successiva “Born To Be King” (disponibile solo su vinile o in digital download n.d.a.) dall’andamento medio e dalle tastiere che contrappuntano la melodia. A volte, come nel caso dell’omonima “Phantom of Paradise Circus”, si capisce perché alcuni pezzi finiscono per essere bonus tracks: in questo caso di “Sacred Blood”. Clarkin si è detto felice di aver potuto donare maggior visibilità al pezzo che, per inciso, non è affatto male. Se è stato “scartato” suppongo sia stato a causa della voce veramente “fioca” rispetto agli standard qualitativi di Catley, e per un risibile tocco della batteria fuori tempo: roba da puristi dell’ascolto. “Show Me Your Hands” era, e rimane, un piccolo gioiello impreziosito da sublimi tocchi di tastiera. Ho deciso! Do a “Dance Of The Black Tattoo” un voto alto. I Magnum se lo meritano per ciò che riescono a comunicare all’ascoltatore attraverso brani che, come detto, sono di classe e di qualità. Siete abbastanza grandi da poter decidere da soli se vale la pena acquistare questo disco, magari nella versione doppio L.P. color magenta, oppure aspettare il prossimo lavoro da studio con pezzi inediti.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Troppe influenze varie rendono un po' dispersivo questo secondo album degli Iron Flesh
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Troppo elevata la durata complessiva del comunque buono primo album dei Malformity
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Secondo album per la Death Metal band danese Shadowspawn
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nuovo EP per gli Achelous che anticipa l'uscita del prossimo full-length
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
U.D.O.: un live monolitico!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Guidati dagli Svartghast verso l'eterna perdizione
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dama, un progetto interessante per chi si nutre di hard rock e metal a 360 gradi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Da Torino, un hard rock classico e davvero ben fatto grazie ai Red Giant
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il relax della deprivazione sensoriale offerta dagli Aphonic Threnody
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un'altra band nata dall'annata pandemica: debut EP per i Sumen
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Katana Cartel: l'importanza di uno splendido artwork
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla