A+ A A-
 

Finalmente un lavoro convincente per i danesi Baest Finalmente un lavoro convincente per i danesi Baest Hot

Finalmente un lavoro convincente per i danesi Baest

recensioni

gruppo
titolo
Necro Sapiens
etichetta
Century Media Records
Anno

PROVENIENZA: Danimarca 

GENERE: Death Metal 

FFO: Bloodbath, Vltimas, Entrails, Grave, Dismember 

LINE UP:
Simon Olsen - vocals 
Svend Karlsson - guitars 
Lasse Revsbech - guitars 
Mattias Melchiorsen - bass 
Sebastian Abildsten - drums 

TRACKLIST:
1. The Forge [00:34] 
2. Genesis [05:57] =VIDEO= 
3. Necro Sapiens [04:24] =VIDEO= 
4. Czar [04:55] 
5. Abattoir [04:42] =ASCOLTA= 
6. Goregasm [06:16] 
7. Towers of Suffocation [05:13] 
8. Purification Through Mutilation [04:06] 
9. Meathook Massacre [04:27] =VIDEO= 
10. Sea of Vomit [04:08] 

Running time: 44:42 

opinioni autore

 
Finalmente un lavoro convincente per i danesi Baest 2021-03-06 16:18:37 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    06 Marzo, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non sono stato particolarmente morbido in passato con i danesi Baest: i primi due album del quintetto di Aarhus, infatti, presentavano entrambi prove a dir poco scialbe, con il secondo album "Venenum" che riusciva ad essere anche più opaco del debut album "Danse Macabre". Alla prova del terzo album, invece, possiamo tesser buone lodi verso la Death metal band danese: "Necro Sapiens" presenta infatti dei buoni passi in avanti rispetto i precedenti lavori, complice in primis un songwriting che appare finalmente ben ispirato. I Baest restano totalmente devoti ai Bloodbath, questo sia chiaro da subito, ma con lo scorrere della tracklist di questa loro nuova fatica ci si rende conto di come questa volta Olsen e soci siano più consapevoli dei propri mezzi. Non manca dunque quell'approccio tremendamente 'bloodbathiano' che da sempre contraddistingue i Nostri, ma c'è da dire anche che assumono un'importanza maggiore rispetto al passato un groove più accentuato rispetto ai passati lavori ed un uso sapiente di buonissime melodie, che danno una maggior varietà al sound dei Baest. Proprio grazie a queste componenti, ci troviamo tra le mani un album finalmente godibile, in cui possiamo ascoltare ottimi brani come "Abattoir", "Genesis" e la title-track. Col passare dei minuti, poi, appare sempre più evidente che l'esecuzione dei Baest rimanda più agli Vltimas del trio Vincent/Blasphemer/Mounier - non credo sia una bestemmia affermare che in "Necro Sapiens" il cantato di Simon Olsen sembra ricalcare quello di mr. Vincent nel debut album del supergruppo di cui sopra -.
Rispetto al grigiore assoluto, al buio pesto dei primi lavori, i Baest di "Necro Sapiens" appaiono come una band che sembra aver trovato finalmente la quadratura del cerchio, capace finalmente di tirar fuori un album che gode di un songwriting brioso e, finalmente, ispirato. Insomma, finalmente i Baest sono diventati estremamente convincenti; speriamo ora che questa sia la strada intrapresa dal quintetto danese.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Troppe influenze varie rendono un po' dispersivo questo secondo album degli Iron Flesh
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Troppo elevata la durata complessiva del comunque buono primo album dei Malformity
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Secondo album per la Death Metal band danese Shadowspawn
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nuovo EP per gli Achelous che anticipa l'uscita del prossimo full-length
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
U.D.O.: un live monolitico!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Guidati dagli Svartghast verso l'eterna perdizione
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dama, un progetto interessante per chi si nutre di hard rock e metal a 360 gradi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Da Torino, un hard rock classico e davvero ben fatto grazie ai Red Giant
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il relax della deprivazione sensoriale offerta dagli Aphonic Threnody
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un'altra band nata dall'annata pandemica: debut EP per i Sumen
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Katana Cartel: l'importanza di uno splendido artwork
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla