A+ A A-
 

Carcolh: French Doom Metal Carcolh: French Doom Metal Hot

Carcolh: French Doom Metal

recensioni

gruppo
titolo
The Life and Works of Death
etichetta
Sleeping Church Records
Anno

TRACKLIST:
1. From Dark Ages They Came (08:46)
2. Works of Death (06:48)
3. The Blind Goddess (10:05)
4. When the Embers Light the Way (05:58)
5. Aftermath (06:02)
6. Sepulchre (10:51)

LINE UP:
Quentin Aberne - Guitars
Benoît Senon - Drums
Olivier Blanc - Guitars
Sébastien Fanton - Vocals
Mathieu Vicens - Bass

opinioni autore

 
Carcolh: French Doom Metal 2021-03-06 17:48:27 MASSIMO GIANGREGORIO
voto 
 
4.0
Opinione inserita da MASSIMO GIANGREGORIO    06 Marzo, 2021
Ultimo aggiornamento: 06 Marzo, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non si può certo sostenere che la Francia sia particolarmente prolifica di bands Heavy o Doom degne di nota. A me personalmente, a parte i Trust (per intenderci, la prima band di Nicko Mc Brain) non me ne vengono in mente altre; ma sarà dovuto a mia ignoranza in materia. Direttamente da Bordeaux - che, in quanto a tradizione vinicola, non ha certo bisogno di presentazioni - ci giungono questi doomsters, reduci da un primo full-length niente male come "Rising Sons of Saturn" datato 2018.
Diciamo subito che si tratta di un lavoro assolutamente pregevole, all'altezza degli standard qualitativi del settore dark/doom/sludge. Non è dato sapere se il nome del combo d'Oltralpe derivi o meno dal personaggio Gast Carcolh della saga di Dragon Ball, un gigantesco mollusco dalla forza impressionante, bandito dalla galassia (secondo alcuni) a cagione di una serie di malefatte della peggior specie; ma,anche in questo caso, preferisco esimermi e far ulteriore professione di ignoranza (anche perché troppo grande di età per seguire la saga di cui sopra...). Da rimarcare la scelta, a mio modesto avviso coraggiosa, di optare per un singing "pulito", effettivamente l'unico in grado di esprimere in maniera efficace i sentimenti angosciosi tipici del genere. Ed angoscioso, è l'aggettivo che più si attaglia al sound della band transalpina. Le cadenze sono degne delle migliori processioni funerarie, da vero e proprio de profundis, permeate da una mestizia che si può tagliare con il coltello, per quanto è profonda. Profonda come gli abissi di pessimismo in cui questo cd è in grado di catapultarci ineluttabilmente. Ispirati e di spessore risultano gli assoli, mai invasivi e ben centellinati lungo tutto l'arco della cadaverica fatica dei cinque girondini. Il miglior brano, a mio avviso, è "The Blind Goddess" (che è anche il più lungo, con i suoi oltre 10 minuti di sofferenza), mentre azzeccato risulta l'inserto delle keyboards nel finale di "Aftermath"; l'ultima traccia, guarda caso, si intitola "Sepulchre": infatti, questo tragitto nei meandri della malinconia non poteva che terminare deponendoci delicatamente nel freddo sepolcro per l'inesorabile, eterno riposo.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Troppe influenze varie rendono un po' dispersivo questo secondo album degli Iron Flesh
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Troppo elevata la durata complessiva del comunque buono primo album dei Malformity
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Secondo album per la Death Metal band danese Shadowspawn
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nuovo EP per gli Achelous che anticipa l'uscita del prossimo full-length
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
U.D.O.: un live monolitico!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Guidati dagli Svartghast verso l'eterna perdizione
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dama, un progetto interessante per chi si nutre di hard rock e metal a 360 gradi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Da Torino, un hard rock classico e davvero ben fatto grazie ai Red Giant
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il relax della deprivazione sensoriale offerta dagli Aphonic Threnody
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un'altra band nata dall'annata pandemica: debut EP per i Sumen
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Katana Cartel: l'importanza di uno splendido artwork
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla