A+ A A-
 

Non deve sorprendere se "Katedralen" è l'ennesima ottima uscita dei norvegesi Mork Non deve sorprendere se "Katedralen" è l'ennesima ottima uscita dei norvegesi Mork Hot

Non deve sorprendere se "Katedralen" è l'ennesima ottima uscita dei norvegesi Mork

recensioni

gruppo
titolo
Katedralen
etichetta
Peaceville Records
Anno

PROVENIENZA: Norvegia 

GENERE: Black Metal 

FFO: Darkthrone, Kampfar, Craft, Taake, Gorgoroth 

LINE UP: 
Thomas Eriksen - vocals, all instruments 

TRACKLIST: 
1. Dødsmarsjen feat. Eero Pöyry (Skepticism) [04:57] 
2. Svartmalt feat. Nocturno Culto (Darkthrone) [04:19] =ASCOLTA= 
3. Arv [05:26] =VIDEO= 
4. Evig Intens Smerte [06:58] 
5. Det Siste Gode I Meg [05:11] 
6. Født Til å Herske feat. Dolk (Kampfar) [06:33] 
7. Lysbæreren [05:10] 
8. De Fortapte Sjelers Katedral feat. Eero Pöyry (Skepticism) [09:28] 

Running time: 48:02 

opinioni autore

 
Non deve sorprendere se "Katedralen" è l'ennesima ottima uscita dei norvegesi Mork 2021-03-10 18:48:57 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    10 Marzo, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Fatto salvo per una produzione decisamente in linea coi tempi, la one man band norvegese Mork è da sempre legata a doppio filo alla più pura tradizione Black Metal norvegese; è un amore sconfinato per la vecchia scuola quello del mastermind Thomas Eriksen, che va a riflettersi in un lotto di uscite che sa sempre lasciano soddisfatti i seguaci della Nera Fiamma. Non fa ovviamente eccezione "Katedralen", quinto album dell'artista norvegese appena rilasciato da Peaceville Records. Lo scream ferale, le chitarre taglienti a cui non mancano però melodie di inusitata malignità, una sezione ritmica che passa da mitragliate incessanti a passaggi più lenti dotati di un groove spaccacollo: sono i semplicissimi ingredienti che bastano per creare un album Black Metal più che soddisfacente, ma se a tutto questo uniamo un'esecuzione passionale, viscerale, allora quel che abbiamo tra le mani è un lavoro sicuramente degno di nota; ed è il caso di "Katedralen": otto brani per quasi 50 minuti in cui Eriksen mette insieme le sonorità dei gruppi che hanno segnato la sua crescita musicale (Darkthrone, Kampfar, Taake), il tutto mischiato ad una fortissima dose di personalità. Non c'è però da aspettarsi il "solito" disco Black Metal tout court: Mork si scaldano con l'ottima opening track "Dødsmarsjen", per cominciare poi a macinare con la 'darkthroniana' "Svartmalt" - che non a caso vede come ospite Nocturno Culto - e l'epicità Viking della seguente "Arv", per una doppietta di pezzi che rappresenta il punto più alto di quest'album. Va da sé che non mancano i momenti più brutali, violenti, come "Evig Intens Smerte" o "Født Til å Herske", pezzi in cui l'influenza dei Kampfar è decisamente palese, soprattutto nel secondo dei brani, essendoci come guest Dolk dei Kampfar stessi. E così "Katedralen" scorre via senza alcun intoppo fino al mix tra violenza primordiale ed atmosfere funeree (grazie all'organo suonato da Eero Pöyry degli Skepticism, di nuovo: non a caso) di "De Fortapte Sjelers Katedral", perfetta conclusione di un lavoro scevro di difetti.
I Mork di mr. Thomas Eriksen sono, a nostro avviso, una garanzia: "Katedralen" è l'ennesima dimostrazione come questo solo project possa affascinare suonando semplicemente un Black Metal devoto alla vecchia scuola.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Manntra: dalla Croazia un metal tra folk, industrial e gothic
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Reunion dopo un decennio e primo full-length per i Beyond Man
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli americani Witch Vomit ed un EP pesante come un macigno
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Desaster sono l'esempio concreto di garanzia e attitudine
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Worm Shepherd inaugurano l'entrata in ULR con una ristampa del disco di debutto
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Debutto piuttosto standard quello degli americani Kill The Imposter
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli On Atlas' Shoulders realizzano un disco che non dispiace
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
J.P. Krom, un nome nuovo dal Cile
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Varego: melting pot di stili strano, ma vincente
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Shade Of Memories, nulla di memorabile
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Frozen Hell chiudono la loro carriera con un album dal retrogusto amaro
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla