A+ A A-
 

Superato l'esame del debut album per i portoghesi Sepulcros il cupo, funereo "Vazio" Superato l'esame del debut album per i portoghesi Sepulcros il cupo, funereo "Vazio" Hot

Superato l'esame del debut album per i portoghesi Sepulcros il cupo, funereo "Vazio"

recensioni

gruppo
titolo
Vazio
etichetta
Transcending Obscurity Records
Anno

PROVENIENZA: Portogallo 

GENERE: Atmospheric Death/Doom Metal 

FFO: Mournful Congregation, Atramentus, Evoken, Disembowelment, Winter 

LINE UP: 
SB - vocals 
NZ - guitars 
RT - guitars 
AH - bass 
JS - drums 

TRACKLIST: 
1. Involucro Oco [01:08] 
2. Vazio [08:34] =ASCOLTA= 
3. Marcha Funebre [07:49] =ASCOLTA= 
4. Magno Caos [08:57] =ASCOLTA= 
5. Hecatombe [08:56] =VIDEO= 
6. Humana Vacuidade [01:38] 

Running time: 37:02 

opinioni autore

 
Superato l'esame del debut album per i portoghesi Sepulcros il cupo, funereo "Vazio" 2021-03-13 13:59:43 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    13 Marzo, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Se c'è un'etichetta che sta diventando sempre più sinonimo di garanzia tanto in ambito Death old school quanto nel Death/Doom, non può che essere Transcending Obscurity; alla già nutrita schiera di bands sotto contratto con la label indiana, vanno ora ad unirsi i portoghesi Sepulcros, band di recente formazione che rilascia con il full length "Vazio" il proprio debutto assoluto. Un rischio quello di partire direttamente con un album, ma da subito ci si rende conto come i Sepulcros siano ben consci dei propri mezzi, fornendoci un disco di quattro pezzi effettivi - non contando l'ambient di "Involucro Oco" che funge da intro e l'orrorifica "Humana Vacuidade" come outro - in cui il quintetto lusitano riesce a concentrare più anime, andando anche a sorprendere l'ascoltatore con improvvise e feroci accelerazioni Black/Death (che ricordano un po' i Dead Congregation, qui la militanza di 3/5 della band nei Summon gioca un ruolo fondamentale) in mezzo ad una palude di sonorità lente e cupe che spesso travalicano i confini del Funeral Doom; in questo gruppi come Mournful Congregation, Esoteric, Atramentus, hanno fatto scuola e sembrano aver fatto presa sull'identità del combo portoghese, che dà alle proprie composizioni anche delle atmosfere 'evokiane' che rendono ancora più oscure le vivide visioni portate da questa release. I brani qui presenti sono tutti di buonissima fattura, ma vanno sicuramente segnalati "Marcha Funebre", che ai più scafati potrà ricordare non poco gli italo-inglesi Aphonic Threnody, e la seguente Magno Caos, pezzo in cui la più oscura influenza Funeral Doom prende totalmente il comando guidata dalle sulfuree growlin' vocals di SB, senza però lasciar indietro un'improvvisa quanto ferale accelerazione sul finale.
Come scritto in apertura: Transcending Obscurity Records è ormai sinonimo di qualità. Se un disco Death o Death/Doom arriva dalla sempre più prolifica label asiatica, possiamo essere sicuri che sarà un album ben oltre la semplice sufficienza. I Sepulcros non s'inventano assolutamente nulla di nuovo, eppure il loro debut album a nome "Vazio" saprà senz'altro incontrare i favori degli amanti delle sonorità più plumbee e funeree.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Manntra: dalla Croazia un metal tra folk, industrial e gothic
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Reunion dopo un decennio e primo full-length per i Beyond Man
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli americani Witch Vomit ed un EP pesante come un macigno
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Desaster sono l'esempio concreto di garanzia e attitudine
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Worm Shepherd inaugurano l'entrata in ULR con una ristampa del disco di debutto
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Debutto piuttosto standard quello degli americani Kill The Imposter
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli On Atlas' Shoulders realizzano un disco che non dispiace
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
J.P. Krom, un nome nuovo dal Cile
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Varego: melting pot di stili strano, ma vincente
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Shade Of Memories, nulla di memorabile
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Frozen Hell chiudono la loro carriera con un album dal retrogusto amaro
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla