A+ A A-
 

Grave-T: da Torino un alternative metal ricco di influenze Grave-T: da Torino un alternative metal ricco di influenze Hot

Grave-T: da Torino un alternative metal ricco di influenze

recensioni

gruppo
titolo
Silent Water
etichetta
Seahorse Records
Anno

TRACKLIST:
1. Bloody Fountain
1. Grave-T Wonder
3. Two Good Sisters
4. Sick
5. Silent Water
6. Blue Whale
7. Human Impact
8. Viper
9. Maiden
10. Era Horizon

LINE UP:
Marco Magnani: vocals
Nick Diamon: guitars
Alex: bass
Pappa: drums

opinioni autore

 
Grave-T: da Torino un alternative metal ricco di influenze 2021-03-21 10:54:14 Celestial Dream
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Celestial Dream    21 Marzo, 2021
Ultimo aggiornamento: 21 Marzo, 2021
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dieci tracce che compongono un debutto frizzante per i torinesi Grave-T. “Silent Water” è stato pubblicato in un bel digipack lo scorso anno, ma è arrivato in redazione solo di recente. La proposta dell'act piemontese è ricca di influenze, basta prendere un pezzo come “Grave-T Wonder” per capire come nelle menti di questi ragazzi c'è voglia di stupire, senza porsi barriere. Heavy metal che si fonda con l'alternative ed il crossover (con urletti alla Mike Patton) e cambi di ritmo in stile progressive. Certo che c'è da migliorare, in primis nella produzione; questi brani, con la giusta potenza conferita da una registrazione più professionale, farebbero un bel salto di qualità. Ma parliamo di un esordio e possiamo chiudere un occhio. Inoltre tutti gli elementi diversi (forse troppi?) che compongono queste songs - con addirittura qualche passaggio blues (?!?) - possono in certi casi essere amalgamati meglio, ma, come primo passo, bisogna ammettere che la band dimostra di avere coraggio ed il tempo e l'esperienza potranno rendere il tutto più fruibile e naturale. Per i nostri gusti, meglio i momenti più aggressivi come in “Human Impact”, song dal tocco heavy-thrash, piuttosto che il lato più punk-rock di “Blue Whale” ad esempio. Il finale, con le contaminazioni funky di “Maiden”, ancora ci mostra le chiare influenze di Patton e delle sue creature (oltre a Faith No More, direi anche i Mr Bungle). Per i fans di Alter Bridge, Faith No More e Soundgarden e delle sonorità moderne che accompagnano l'heavy metal, segnarsi il nome Grave-T!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Fortunato, si deve migliorare su diversi aspetti
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Meravigliosa sorpresa a nome Yattafunk!!!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un viaggio nel medioevo con i Sommo Inquisitore
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A zonzo sul confine tra Svezia e Norvegia col debutto degli Åskog
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli indiani Against Evil ed il loro genuino heavy metal
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Artillery: con una X segnano il decimo album
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un debutto sufficiente per gli Helltern
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Junkwolvz: un esordio incerto.
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Segnatevi il nome dei Nightshadow!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Immortal Sÿnn virano verso il thrash
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Conquistador", il debutto super-complesso degli Stone Healer
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Haunt: nel segno della tradizione
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla