A+ A A-
 

Con sole tre tracce l'EP dei Wolvencrown riesce a conquistare Con sole tre tracce l'EP dei Wolvencrown riesce a conquistare Hot

Con sole tre tracce l'EP dei Wolvencrown riesce a conquistare

recensioni

titolo
A Shadow of What Once Was
etichetta
Clobber Records
Anno

PROVENIENZA: UK

GENERE: Atmospheric Black Metal

TRACKLIST:
1. A Shadow of What Once Was Pt I =OFFICIAL VIDEO=
2. A Shadow of What Once Was Pt II
3. Coming to an End

LINE-UP:
Reece - Bass
Matt - Drums
Nick - Guitars , Vocals
Will - Keyboards
Jack - Guitars 

opinioni autore

 
Con sole tre tracce l'EP dei Wolvencrown riesce a conquistare 2021-03-21 15:03:50 Luigi Macera Mascitelli
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    21 Marzo, 2021
Ultimo aggiornamento: 21 Marzo, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Giungono al loro secondo EP gli inglesi Wolvencrown, il qui presente "A Shadow of What Once Was", a due anni di distanza dall'album di debutto. Tre tracce per quasi 20 minuti di durata in cui i nostri si tuffano all'interno di un oscuro vortice di atmospheric black metal suonato a mestiere e veramente evocativo. Figlio anche delle sonorità depressive alla Xasthur e dei riff ripetuti fino allo sfinimento come Burzum ci ha insegnato, il lavoretto si destreggia a meraviglia regalando un ascolto meditativo ed al contempo elegante. Le orchestrazioni in sottofondo e le lunghe sezioni strumentali, come la terza traccia "Coming To An End", fanno dell'EP, e del sound in generale della band inglese, un prodotto veramente interessante e molto personale.
Una nota in favore, inoltre, è data dallo scream di Nick, il quale ricorda molto da vicino le urla strazianti di Nattramn dei leggendari Silencer. La sua voce riesce perfettamente a dare l'idea di una voce agonizzante che sembra provenire da lontano, quasi poi sciogliendosi all'interno del sound.
Ascolto super consigliato!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Grimgotts: i 3 EP in un unico album con aggiunta di inediti
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla (probabile) tomba degli Oath Div. 666 risorgono i Disembodiment
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
In attesa del nuovo full-length, gli Ereb Altor rilasciano un buonissimo nuovo EP
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Solo una sufficienza per il nuovo disco dei Bloody Hell
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano dopo otto anni i francesi Seth, ma con quello che è il loro miglior disco
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con quella vena old school/progressive, gli Obsolete debuttano con un signor disco
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Gli Immortal Sÿnn virano verso il thrash
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Conquistador", il debutto super-complesso degli Stone Healer
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Haunt: nel segno della tradizione
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Agli Hellsike! serve un cantante migliore
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Assolutamente promosso il debut album omonimo degli inglesi Cult Burial
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dama, un progetto interessante per chi si nutre di hard rock e metal a 360 gradi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla