A+ A A-
 

Metalite, per i fans degli Amaranthe Metalite, per i fans degli Amaranthe

Metalite, per i fans degli Amaranthe

recensioni

gruppo
titolo
“A virtual world”
etichetta
AFM Records
Anno

TRACKLIST:
1. A virtual world
2. Cloud connected
3. Talisman
4. Beyond the horizon
5. Peacekeepers
6. The vampire song
7. We´re like the fire
8. Artificial intelligence
9. Alone
10. Running
11. Synchronized

LINE-UP:
Erica Ohlsson (Vocals)
Edwin Premberg (Guitar)
Robert Örnesved (Guitar)
Lea Larsson (Drums)
Robert Majd (Bass)

opinioni autore

 
Metalite, per i fans degli Amaranthe 2021-03-26 17:23:14 Ninni Cangiano
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    26 Marzo, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sono passati poco meno di due anni dal discreto “Biomechanicals”, disco con cui era entrata in formazione la splendida Erica Ohlsson (forse la singer più affascinante nell’attuale scena metal mondiale), e gli svedesi Metalite, puntuali come un orologio svizzero, sfornano il loro terzo full-lenght con questo “A virtual world”, dotato di accattivante artwork, naturalmente basato sulla figura della singer (opera dell’artista Jan Yrlund). L’album è composto da 11 pezzi per poco più di 47 minuti di durata, segno che il songwriting non è mai prolisso o esagerato. Ciò che c’è di esagerato in questo disco è la preponderanza delle tastiere e degli effetti a discapito dell’elettricità delle due chitarre, tanto che il sound viene fuori fastidiosamente “plasticoso” ed artificiale e, di contro, troppo poco elettrico o, se volete, troppo poco “metal”. Le somiglianze con gli Amaranthe sono ancora fin troppo marcate (anche se la Ohlsson è più gradevole da guardare della Ryd) e questo particolare, arrivati al terzo album, denota un difetto di personalità abbastanza serio. Non a caso la produzione (comunque perfetta) è affidata alle sapienti mani di Jacob Hansen che è lo stesso produttore, tra i tanti, proprio degli Amaranthe. Certo, chi apprezza queste sonorità (che qualcuno ha definito “pop metal”), indubbiamente rimarrà favorevolmente colpito da questo disco perché, per essere obiettivi, si lascia ascoltare molto gradevolmente essendo decisamente catchy ed easy-listening. Si trascorrono poco più di ¾ d’ora in maniera disimpegnata e positiva ascoltando gli 11 brani di questo lavoro, certo non bisogna andare a cercare impatto e cattiveria, perché qui non vi è alcuna traccia di ciò; di contro è necessario essere avvezzi a certe sonorità “morbide” ed amare il female fronted melodic metal. Se rientrate in questa categoria di metalheads e vi piace un sound così particolare, indubbiamente “A virtual world” dei Metalite sarà per voi uno dei must del 2021; se invece siete dei trve defenders o metallari duri e puri, dubito riuscirete ad apprezzare un lavoro così poco elettrico e così tanto “sintetico”. A voi l’ardua sentenza! Personalmente, per il futuro della band svedese, mi auguro molte più chitarre elettriche e molti meno effetti tecnologici.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Fortunato, si deve migliorare su diversi aspetti
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Meravigliosa sorpresa a nome Yattafunk!!!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un viaggio nel medioevo con i Sommo Inquisitore
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A zonzo sul confine tra Svezia e Norvegia col debutto degli Åskog
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli indiani Against Evil ed il loro genuino heavy metal
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Artillery: con una X segnano il decimo album
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un debutto sufficiente per gli Helltern
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Junkwolvz: un esordio incerto.
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Segnatevi il nome dei Nightshadow!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Immortal Sÿnn virano verso il thrash
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Conquistador", il debutto super-complesso degli Stone Healer
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Haunt: nel segno della tradizione
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla