A+ A A-
 

Aspettative forse troppo alte per il monotono debut album dei Sanguisugabogg Aspettative forse troppo alte per il monotono debut album dei Sanguisugabogg Hot

Aspettative forse troppo alte per il monotono debut album dei Sanguisugabogg

recensioni

titolo
Tortured Whole
etichetta
Century Media Records
Anno

PROVENIENZA: U.S.A. 

GENERE: Brutal Death Metal 

FFO: Mortician, Lividity, early Cannibal Corpse, Broken Hope, Devourment 

LINE UP: 
Devin Swank - vocals 
Cameron Boggs - guitars 
Ced Davis - bass 
Cody Davidson - drums 

TRACKLIST: 
1. Menstrual Envy [03:09] =VIDEO= 
2. Gored in the Chest [02:59] =VIDEO= 
3. Dragged by a Truck [02:32] 
4. Pornographic [02:06] 
5. Dead as Shit [04:09] =VIDEO= 
6. Tortured Whole [05:13] 
7. Interlube [02:29] 
8. Dick Filet [03:07] 
9. Urinary Ichor [02:41] 
10. Posthumous Compersion [01:05] 
11. Felching Filth [04:20] 

Running time: 33:50 

opinioni autore

 
Aspettative forse troppo alte per il monotono debut album dei Sanguisugabogg 2021-03-26 18:45:14 Daniele Ogre
voto 
 
2.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    26 Marzo, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Reduci da un demo come "Pornographic Seizures", molto chiacchierato tra gli amanti del Brutal Death più gutturale ed "ignorante" - a mio avviso abbastanza inspiegabilmente, ma vabbe'... -, gli statunitensi Sanguisugabogg si ritrovano nella condizione di essere la perfetta fotografia del detto "fare il passo più lungo della gamba", essendosi ritrovati a pubblicare il debut album "Tortured Whole" nientemeno che per Century Media. La colossale label tedesca "figlia" di Sony Music ha dalla sua un roster estremo di tutto rispetto e ha sempre avuto occhio per lo scouting - vedasi gli Skeletal Remains o l'aver preso sotto la propria ala protettrice una delle punte di diamante della scena italiana, gli Hideous Divinity -, ma questa volta, sinceramente, sembra aver toppato alla grande. Nonostante un battage promozionale imponente, con la band presentata a più riprese come sostanzialmente la new sensation della sempre più in crescita scena dell'Ohio e video prodotti insieme alla leggendaria Troma (dobbiamo dare atto che questi ultimi sono molto, molto divertenti), all'atto dobbiamo dire che "Tortured Whole" è un lavoro per lo più deludente; i Sanguisugabogg si muovono in quel Brutal Death "da macelleria" di fine anni '90 figlio dei primissimi Cannibal Corpse, dei Mortician e dei Lividity, cosa non nuova oggigiorno, ma in cui manca del tutto quella freschezza e quella "fame" che contraddistingue altri giovani colleghi. I ragazzi si divertono e sanno far divertire, specie sul piano visivo (di nuovo: consiglio caldamente di guardare i tre video), ma per il resto, detto apertamente, "Tortured Whole" è un album scolastico che nulla aggiunge e nulla toglie a quanto già sentito centinaia di volte. E non basta un groove "chiatto" onnipresente a far fare il salto di qualità ad un lavoro che, spiace dirlo, risulta essere monotono ancor prima di superare la prima metà. Ancora una volta, come in passato, ci si ritrova tra le mani qualcosa in netto contrasto rispetto al modo in cui viene presentato: possiamo capire tutto, ma alle volte le etichette dovrebbero in qualche modo cercare di non esagerare per alzare - inutilmente - le aspettative. Poi magari i die hard fans di queste sonorità potrebbero anche gridare al nuovo miracolo, ma dal canto nostro, anche se spiace, non possiamo promuovere questa proposta.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

A zonzo sul confine tra Svezia e Norvegia col debutto degli Åskog
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli indiani Against Evil ed il loro genuino heavy metal
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Artillery: con una X segnano il decimo album
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Red Moon Architect: il freddo bacio finnico della morte
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Einherjer: risplende sufficientemente bene la stella dei vichinghi
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Junkwolvz: un esordio incerto.
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Segnatevi il nome dei Nightshadow!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Immortal Sÿnn virano verso il thrash
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Conquistador", il debutto super-complesso degli Stone Healer
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Haunt: nel segno della tradizione
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Agli Hellsike! serve un cantante migliore
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla