A+ A A-
 

Old school never dies: altra soddisfacente prova dei greci Rapture Old school never dies: altra soddisfacente prova dei greci Rapture

Old school never dies: altra soddisfacente prova dei greci Rapture

recensioni

gruppo
titolo
Malevolent Demise Incarnation
etichetta
F.D.A. Records
Anno

PROVENIENZA: Grecia 

GENERE: Death/Thrash Metal 

FFO: Demolition Hammer, early Death, Kreator, Sodom, Slayer 

LINE UP: 
Apostolos Papadimitriou - vocals, guitars
Nikitas Melios - guitars
Stamatis Petrou - bass
Giorgos Melios - drums 

TRACKLIST: 
1. Malevolent Demise Incarnation [04:54] =ASCOLTA= 
2. Inanimate Frigidity [05:03] 
3. Predatory Menace [04:09] =ASCOLTA= 
4. After Your Eternity [06:22] 
5. I Am Become Death [05:04] 
6. Birthrape Leftovers, Praising the Maggots [05:22] =ASCOLTA= 
7. Herald of Defiance [04:18] 
8. Requeim for a Woeful Dynasty [08:19] 

Running time: 43:31 

opinioni autore

 
Old school never dies: altra soddisfacente prova dei greci Rapture 2021-03-27 16:59:39 Daniele Ogre
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    27 Marzo, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sono passati tre anni dal nostro primo incontro con i greci Rapture, fautori di un Death/Thrash old school figlio degli insegnamenti di "brutta gentaglia" come primi Death e Demolition Hammer, l'accoppiata teutonica Kreator/Sodom e Slayer; illo tempore rimanemmo favorevolmente impressionati da "Paroxysm of Hatred", un disco che non presentava alcuna novità di sorta - zero assoluto proprio - ma che seppe colpire per l'attitudine mostrata dal quartetto ateniese, che senza strafare seppe mettere sul piatto semplicemente del gran bell'intrattenimento. Tre anni dopo riecco i Nostri alla carica con il loro terzo album a titolo "Malevolent Demise Incarnation", licenziato da F.D.A. Records: ed i Rapture confermano in toto le favorevoli impressioni suscitate col precedente lavoro. I Rapture semplicemente mettono la quinta e attaccano a testa bassa, martellando senza sosta con una serie di pezzi tellurici che sembrano venir fuori dritti da un album Extreme Metal di fine anni '80/inizi anni '90. Un torrente di riff spietati accompagnati da una terremotante sezione ritmica, ma con in più alcuni passaggi dal vago sapore progressivo, ad accentuare l'influenza dei Death (ascoltate l'ottima "Inanimate Frigidity"): la ricetta dei Rapture è delle più semplici possibili, eppure riesce anche questa volta ad essere incredibilmente efficace, dando poi la sensazione che dal vivo la resa di ognuno dei brani possa essere impressionante (a titolo personale posso dire che non mi dispiacerebbe un giorno averli al Club di cui mi occupo della direzione artistica, n.d.O.). Dalle bordate della title-track, chiamata ad aprire l'album, passando per la spaccacollo "Predatory Menace", fino ad arrivare alle debordanti "I Am Become Death" e "Herald of Defiance", questa terza fatica della band greca lascia a fine ascolto un gran senso di soddisfazione.
"Malevolent Demise Incarnation" è meno istintivo, primordiale, meno perentorio rispetto al precedente "Paroxysm of Hatred", ma in ogni caso i Rapture si confermano come una delle più interessanti realtà legate ad un sound old school, cui non importa minimamente di qualsivoglia modernismo. E quando i risultati sono questi, non possiamo che sorridere a trentadue denti!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Fortunato, si deve migliorare su diversi aspetti
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Meravigliosa sorpresa a nome Yattafunk!!!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un viaggio nel medioevo con i Sommo Inquisitore
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A zonzo sul confine tra Svezia e Norvegia col debutto degli Åskog
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli indiani Against Evil ed il loro genuino heavy metal
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Artillery: con una X segnano il decimo album
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un debutto sufficiente per gli Helltern
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Junkwolvz: un esordio incerto.
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Segnatevi il nome dei Nightshadow!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Immortal Sÿnn virano verso il thrash
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Conquistador", il debutto super-complesso degli Stone Healer
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Haunt: nel segno della tradizione
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla