A+ A A-
 

Con un secondo notevole album gli Enforced iniziano a diventare un nome importante nel panorama Thrash/Crossover Con un secondo notevole album gli Enforced iniziano a diventare un nome importante nel panorama Thrash/Crossover Hot

Con un secondo notevole album gli Enforced iniziano a diventare un nome importante nel panorama Thrash/Crossover

recensioni

gruppo
titolo
Kill Grid
etichetta
Century Media Records
Anno

PROVENIENZA: USA

GENERE: Thrash Metal/Crossover

TRACKLIST:
1. The Doctrine
2. UXO =OFFICIAL VIDEO=
3. Beneath Me
4. Malignance =OFFICIAL VIDEO=
5. Kill Grid
6. Curtain Fire =OFFICIAL VIDEO=
7. Hemorrhage
8. Blood Ribbon
9. Trespasser

LINE-UP:
KNOX COLBY (Vocals)
ZACH MONAHAN (Guitars)
WILL WAGSTAFF (Guitars)
ETHAN GENSUROWSKY (Bass)
ALEX BISHOP (Drums)

opinioni autore

 
Con un secondo notevole album gli Enforced iniziano a diventare un nome importante nel panorama Thrash/Crossover 2021-03-28 16:21:05 Luigi Macera Mascitelli
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    28 Marzo, 2021
Ultimo aggiornamento: 28 Marzo, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

C'è poco da fare: un buon album lo riconosci al volo, sin dalle prime note che danno il via alla mattanza. Ed è quello che succede quando ci si imbatte nel qui presente "Kill Grid", secondo album per gli statunitensi Enforced e primo lavoro licenziato dal colosso Century Media. Un grandissimo lavoro che fa del thrash metal/crossover feroce ed incazzato il suo punto focale. Una quarantina di minuti per un totale di nove tracce e tantissimi quanto sonori sberloni sulla faccia. Non esagero se dico che gli Enforced ad oggi siano una delle migliori realtà del genere, e questo per un semplice motivo: essere diretti, senza troppi giri o abbellimenti del caso. Niente di tutto ciò: la violenza dell'act di Richmond colpisce in tutta la sua pienezza prima ancora che possiate accorgervi di quello che succede.
I nostri non si inventano nulla - anche perché siamo in un genere musicale che di certo non fa della sperimentazione il suo punto forte -, ma l'attitudine del quintetto basta e avanza per confezionare un lavoro degno di questo nome. Prendete un po' di Nuclear Assault, metteteci le accelerate e chitarre pungenti dei Bolt Thrower, la violenza dei Demolition Hammer, le sonorità apocalittiche degli Slayer ed una sana dose di ignoranza hardcore punk, ed il gioco è fatto. Non serve altro agli Enforced, se non l'attitudine di cui si parlava prima. Sin dalle prime note dell'opener "The Doctrine" si viene letteralmente investiti da un treno merci in corsa, fatto da riffoni tiratissimi e sostenuti da un lavoro di groove altrettanto martellante che non lascia spazio ad un solo respiro. Praticamente è come venire pestati a sangue per 40 minuti ininterrottamente. Oltre all'ignoranza, che rende l'album la colonna sonora perfetta per una rissa, "Kill Grid" mostra anche come i nostri abbiano dedicato una buona fetta alla tecnica. Già, perché se da una parte gli sberloni non mancano, dall'altra è pur vero che tecnicismi ed ottimi assoli riescono ad elevare qualitativamente il prodotto. Insomma, gli Enforced hanno trovato la giusta formula per confezionare un lavoro diretto e senza fronzoli ma al contempo per nulla scontato o banale. Super consigliati!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli indiani Against Evil ed il loro genuino heavy metal
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Artillery: con una X segnano il decimo album
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Red Moon Architect: il freddo bacio finnico della morte
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Einherjer: risplende sufficientemente bene la stella dei vichinghi
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Antioch: un EP di ispirato heavy metal classico!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Junkwolvz: un esordio incerto.
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Segnatevi il nome dei Nightshadow!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Immortal Sÿnn virano verso il thrash
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Conquistador", il debutto super-complesso degli Stone Healer
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Haunt: nel segno della tradizione
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Agli Hellsike! serve un cantante migliore
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla