A+ A A-
 

I Geometry of Chaos sono un nuovo progetto prog metal fondato dal chitarrista Fabio La Manna I Geometry of Chaos sono un nuovo progetto prog metal fondato dal chitarrista Fabio La Manna Hot

I Geometry of Chaos sono un nuovo progetto prog metal fondato dal chitarrista Fabio La Manna

recensioni

titolo
Soldiers Of The New World Order
etichetta
Autoproduzione
Anno

Tracklist: 
1. Idolatry
2. Joker's Dance
3. Spiral Staircase
4. Garage Evil
5. Observer
6. Saturated
7. Premonition
8. Soldiers Of The New World Order

Line-up:
Fabio La Manna - guitars, bass
Davide Cardella - drums
Marcello Vieira, Ethan Cronin, Elena Lippe - vocals

opinioni autore

 
I Geometry of Chaos sono un nuovo progetto prog metal fondato dal chitarrista Fabio La Manna 2021-03-30 16:42:57 Virgilio
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Virgilio    30 Marzo, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Geometry of Chaos debuttano con questo primo album, intitolato "Soldiers of a New World Order". Dietro a questo moniker si celano il chitarrista Fabio La Manna e il batterista Davide Cardella, entrambi ex Alchemy Room: dopo lo scioglimento della band, i due hanno continuato a collaborare insieme, specialmente in occasione degli album solisti di La Manna. Quest'ultimo, in particolare, ha pensato di mettere in piedi questo nuovo progetto, dove c'è un apporto anche di parti cantate, affidate a diversi interpreti quali Marcello Vieira, Ethan Cronin ed Elena Lippe. Diciamo che i risultati sono una via di mezzo tra un disco chitarristico e un disco prog metal, dato che le tracce sono mediamente alquanto lunghe, talvolta con alcuni cambi tematici e con un ampio ricorso a parti strumentali incentrate appunto sulla chitarra, per quanto vi sia comunque l'utilizzo anche di tastiere e sintetizzatori. La chitarra di La Manna si muove tra massicci riff carichi di groove ed efficaci arpeggi: gli episodi migliori del disco si possono ascoltare proprio quando c'è un ottimale equilibrio tra tutti gli elementi ed in particolare in tracce come "Joker's Dance", "Spiral Staircase", "Saturated" e il mid-tempo "Observer", onirico e psichedelico nel suo incedere. Ci sono poi anche due strumentali, ovvero "Garage Evil", una traccia molto tirata, davvero niente male nel complesso e la title-track, che per la verità è in assoluto il brano che ci ha convinti meno del disco: probabilmente la traccia è stata concepita nell'ottica di creare qualcosa di "cinematico" (utilizzando un termine ormai sempre più di moda) o atmosferico, ma che finisce invece per girare attorno ad accordi ciclici con risultati alquanto noiosi. Nulla a che vedere invece con la grinta e l'irruenza che gli altri brani riescono a sprigionare e che rendono quindi l'album un disco alquanto complesso ma allo stesso tempo trascinante e coinvolgente: parafrasando il moniker, una sorta di caos che trova ordine e forma in un assetto che diventa così geometrico. In generale, in "Soldiers of the New Wolrd Order" si possono dunque ritrovare tante buone idee, che si concretizzano in un esordio meritevole di essere conosciuto ed approfondito.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Grimgotts: i 3 EP in un unico album con aggiunta di inediti
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla (probabile) tomba degli Oath Div. 666 risorgono i Disembodiment
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
In attesa del nuovo full-length, gli Ereb Altor rilasciano un buonissimo nuovo EP
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Solo una sufficienza per il nuovo disco dei Bloody Hell
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano dopo otto anni i francesi Seth, ma con quello che è il loro miglior disco
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con quella vena old school/progressive, gli Obsolete debuttano con un signor disco
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Gli Immortal Sÿnn virano verso il thrash
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Conquistador", il debutto super-complesso degli Stone Healer
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Haunt: nel segno della tradizione
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Agli Hellsike! serve un cantante migliore
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Assolutamente promosso il debut album omonimo degli inglesi Cult Burial
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dama, un progetto interessante per chi si nutre di hard rock e metal a 360 gradi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla