A+ A A-
 

Trollfest: Un quarto d'ora di pura allegria Trollfest: Un quarto d'ora di pura allegria

Trollfest: Un quarto d'ora di pura allegria

recensioni

gruppo
titolo
Happy Heroes
etichetta
Napalm Records
Anno

Tracklist:
1. Happy Heroes
2. Cartoon Heroes (Feat: Miriam Renvag Mulleraka Sfinx)
3. Don’t Worry Be Happy
4. Happy

Line Up:
Trollmannen – Vocals
Fabio Grimdrap Glutenfri Fleskeng – Guitar
Mr. Seidel – Guitar
Lodd Bost – Bass
TrollBank – Bouzouki
Drekka Dag – Saxophone
Fjernkontrollet – Accordion/Synth 
Kjellkje Chinnetfur Bjorneneszkutt – Drums

opinioni autore

 
Trollfest: Un quarto d'ora di pura allegria 2021-04-01 16:26:16 Gianni Izzo
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Gianni Izzo    01 Aprile, 2021
Ultimo aggiornamento: 01 Aprile, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Aspettando il nuovo vero disco di una delle folk metal band più irriverenti della storia, i Trollfest ci deliziano con questo simpaticissimo EP di quattro brani, di cui solo uno originale, “Happy Heroes”, ottimo come singolo, bel refrain, una folk-metal song, con tutta la spavalderia che ci si aspetta da un brano del genere. Ovviamente lontani dalle più interessanti composizioni che abbiamo sentito negli album dei nostri eroi, ma un gran bella sferzata di folk metal da osteria che ci fa sorridere e scapocciare a dovere.

Poi si passa alle tre cover, ovviamente rigurgitate per bene in versione folk metal/punk, dai nostri beniamini norvegesi. La prima è la famosa hit dance degli Aqua, “Cartoon Heroes”, perfetta, con la Miriam Renvag Mulleraka Sfinx a donare la sua ugola e tirare avanti il pezzo, qualche screaming qui e lì, tante chitarre e finale con doppia cassa. Ma potremmo dire: “Ok facile così, un po’ di chitarre distorte, un po’ di batteria forsennata, alla fin fine si metallizza tutto”.

Ok allora passiamo alla super famosa “Don’t Worry Be Happy” di McFerrin. Capolavoro vero! Sembra quasi aderire all’originale, con quel ritmo in levare, poi i Trollfest ubriaconi hanno la meglio, comincia il blast beat, e potete immaginarvi tipo le immagini dei Gremlins che mettono a soqquadro la piccola provincia americana del primo film, dandosi alla pazza gioia. Ovviamente al posto dei Gremlins, ci sono i nostri i nostri Trolls fuori di testa.

Finiamo con “Happy” di Pharrel Williams, non interessante come la precedente, ma anche qui ci possiamo godere un bel coro stralunato sul finale e gli inserti di sax, che riescono a rendere un brano vietato ai diabetici, come un qualcosa di estremamente divertente e che si sa prendere poco sul serio, nonostante la bravura dei musicisti.

E' un periodo duro per tutti, ma i Trollfest nel giro di un quarto d’ora vi riusciranno a far dimenticare con un sorriso, il disastro che si sta consumando li fuori nel mondo, accompagnandovi nel loro di mondo, ubriacone, pazzo, fuori da ogni logica.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Fortunato, si deve migliorare su diversi aspetti
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Meravigliosa sorpresa a nome Yattafunk!!!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un viaggio nel medioevo con i Sommo Inquisitore
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A zonzo sul confine tra Svezia e Norvegia col debutto degli Åskog
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli indiani Against Evil ed il loro genuino heavy metal
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Artillery: con una X segnano il decimo album
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un debutto sufficiente per gli Helltern
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Junkwolvz: un esordio incerto.
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Segnatevi il nome dei Nightshadow!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Immortal Sÿnn virano verso il thrash
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Conquistador", il debutto super-complesso degli Stone Healer
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Haunt: nel segno della tradizione
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla