A+ A A-
 

Sirius Curse, un EP niente male per debuttare all'interno della scena classica Sirius Curse, un EP niente male per debuttare all'interno della scena classica

Sirius Curse, un EP niente male per debuttare all'interno della scena classica

recensioni

titolo
Time Knows No Lies
etichetta
Autoproduzione
Anno

Tracklist:
1. Rain Time * Intro
2. Loud
3. Relax (It’s War)
4. No Tomorrow
5. Crucified
6. Time Knows No Lies
7. The Sense
8. Bondage

Line up:
Andreas Spitznagel – guitars
Dominikus Sautermeister – bass
Frank Würthner – guitars, backing vocals
Peter Hirsch - vocals
Simon Wilde – drums

opinioni autore

 
Sirius Curse, un EP niente male per debuttare all'interno della scena classica 2021-04-08 08:52:07 Celestial Dream
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Celestial Dream    08 Aprile, 2021
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

I tedeschi Sirius Curse – nati dalle ceneri degli Exterior - fondati nel 2014, si mettono all'opera per dare alla luce un EP di sette tracce (alle quali si aggiunge una breve introduzione) che abbiamo ascoltato con attenzione.

“Time Knows No Lies” è un buon esempio di heavy metal frizzante e con un tocco leggermente moderno che si dimostra piacevole ma anche parecchio debitore a proposte già sentite in passato peccando un po' di personalità. I riff che danno il via a “Loud” e soprattutto alla riuscitissima “Relax (It’s War)” lo dimostrano con un sound “in your face” dal riffing efficace e dinamico ricordando Armored Saint e Vicious Rumors su tutti. Groovy songs che riescono a trasmettere carica ed energia e che dal vivo immaginiamo possano trovare la collocazione perfetta come ad esempio la rocciosa “No Tomorrow” dai ritmi lenti ma graffianti o la compatta titletrack. Più melodica, alternativa e riflessiva “The Sense”, che dimostra come la band abbia cercato in alcuni momenti di rendere vario il proprio sound senza focalizzarsi troppo su determinati binari.

Trentasei minuti di frizzante heavy metal che si muove a metà tra il classico ed il moderno. Un esordio sicuramente piacevole per i Sirius Curse!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Troppe influenze varie rendono un po' dispersivo questo secondo album degli Iron Flesh
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Troppo elevata la durata complessiva del comunque buono primo album dei Malformity
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Secondo album per la Death Metal band danese Shadowspawn
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nuovo EP per gli Achelous che anticipa l'uscita del prossimo full-length
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
U.D.O.: un live monolitico!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Guidati dagli Svartghast verso l'eterna perdizione
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dama, un progetto interessante per chi si nutre di hard rock e metal a 360 gradi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Da Torino, un hard rock classico e davvero ben fatto grazie ai Red Giant
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il relax della deprivazione sensoriale offerta dagli Aphonic Threnody
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un'altra band nata dall'annata pandemica: debut EP per i Sumen
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Katana Cartel: l'importanza di uno splendido artwork
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla