A+ A A-
 

Katana Cartel: l'importanza di uno splendido artwork Katana Cartel: l'importanza di uno splendido artwork Hot

Katana Cartel: l'importanza di uno splendido artwork

recensioni

titolo
"The sacred oath"
etichetta
Autoproduzione
Anno

TRACKLIST:
1. War prelude
2. Air raid
3. Bang your head
4. Night town
5. Dime a dozen
6. The battle
7. Fragile denial
8. Grenade
9.  The art of self-destruction
10. Judge Shredd

LINE-UP:
John “JD” Price – Drums
Rob “Rockit” Georgievski – Guitars
Steven “Fluffy” Falkingham – Vocals
Matt “Matty” Ientile – Bass
Dylan “Dylzy” Reeves – Lead guitars

opinioni autore

 
Katana Cartel: l'importanza di uno splendido artwork 2021-04-10 13:45:27 Ninni Cangiano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    10 Aprile, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Attirato dal meraviglioso artwork (quanto è importante un valido “biglietto da visita”!), mi sono messo all’ascolto di questo “The sacred oath”, debut album degli australiani Katana Cartel, uscito a fine febbraio 2021; molto probabilmente il disco, se non fosse stato per l’accattivante copertina, sarebbe finito nel dimenticatoio in mezzo alle miriadi di proposte di recensioni che arrivano alla nostra webzine e sarebbe stato davvero un peccato! Già, perché il primo full-lenght dei ragazzi di Melbourne è davvero piacevole, con il suo power metal fresco ed orecchiabile, leggermente contaminato dal buon vecchio speed tipico degli anni ’80. Il disco è composto da 10 tracce per poco più di ¾ d’ora di musica convincente, grazie ad un ottimo lavoro del batterista John “JD” Price che detta un ritmo sempre frizzante, nonché alle due chitarre di Rob “Rockit” Georgievski e del solista Dylan “Dylzy” Reeves. Un po’ troppo relegato in sottofondo il basso di Matt “Matty” Ientile (ma, essendo un’autoproduzione, non si può pretendere la luna nel pozzo), non male la prestazione canora di Steven “Fluffy” Falkingham; c’è molto di peggio in giro rispetto a questo vocalist, ma anche di meglio, fortunatamente Steven sa essere espressivo ed aggressivo quando serve ed, in fin dei conti, come detto non dispiace (se non quando esagera con il growling in “Bang your head”). Sono diversi i brani indovinati in questo disco ma, su tutti, spicca come un diamante grezzo la conclusiva splendida suite “Judge Shredd”, in cui finalmente sentiamo anche il valore del bassista in un assolo da brividi, oltre ai consueti ottimi spunti della chitarra solista di Reeves. Tra gli altri, segnalo le ritmate “Air raid” e “The battle”, a cui seguono l’altra piacevolissima “Fragile denial” e “Grenade”, che ricorda un po’ gli Enforcer; è comunque, come detto, tutto l’album a convincere, nonostante qualche mezzo passo falso nella banale “Night town” (specie nei cori). I Katana Cartel sono attivi da circa 10 anni e finora avevano solo realizzato qualche singolo ed un EP; tagliano il traguardo del debut album con questo “The sacred oath” che è un interessante opera prima; spero per loro che qualche label attenta all’underground si accorga delle indubbie qualità di questo gruppo, così da aiutare a farlo conoscere in giro. Mezzo punto in più per la splendida copertina!

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Grimgotts: i 3 EP in un unico album con aggiunta di inediti
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla (probabile) tomba degli Oath Div. 666 risorgono i Disembodiment
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
In attesa del nuovo full-length, gli Ereb Altor rilasciano un buonissimo nuovo EP
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Solo una sufficienza per il nuovo disco dei Bloody Hell
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano dopo otto anni i francesi Seth, ma con quello che è il loro miglior disco
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con quella vena old school/progressive, gli Obsolete debuttano con un signor disco
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Gli Immortal Sÿnn virano verso il thrash
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Conquistador", il debutto super-complesso degli Stone Healer
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Haunt: nel segno della tradizione
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Agli Hellsike! serve un cantante migliore
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Assolutamente promosso il debut album omonimo degli inglesi Cult Burial
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dama, un progetto interessante per chi si nutre di hard rock e metal a 360 gradi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla