A+ A A-
 

Dopo 22 anni, il debut album dei Crystal Winds Dopo 22 anni, il debut album dei Crystal Winds Hot

Dopo 22 anni, il debut album dei Crystal Winds

recensioni

titolo
"Return to the dark age"
etichetta
Sleaszy Rider Records
Anno

TRACKLIST:
1. We've got the sound
2. Mean Queen
3. Gods of rock 'n' roll
4. Still there
5. Through the stars
6. Dream Queen
7. Your time has come
8. The dark age

LINE-UP:
Andreas Kouratoras: Vocals
Giannis Vrontis: Guitars
Michael Karagiannis: Bass
Nick Teteris: Drums

opinioni autore

 
Dopo 22 anni, il debut album dei Crystal Winds 2021-04-10 16:43:33 Ninni Cangiano
voto 
 
2.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    10 Aprile, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tra le tante bands che hanno il prefisso “Crystal” nel loro nome (personalmente ne ricordo una decina circa, ma ne sono molte di più), oggi parleremo dei greci Crystal Winds, gruppo fondato nel lontano 1999 ma che solo in questi giorni, grazie alla Sleaszy Rider Records, riesce a tagliare il traguardo del sospirato debut album con questo “Return to the dark age”. Un artwork piacevole, con i classici monaci incappucciati (clichè iper-abusato nel metal), ci introduce a 8 pezzi per poco più di ¾ d’ora di heavy metal molto tradizionale, legato al sound degli splendenti anni ’80, che trae ispirazione dai nomi illustri dell’epoca. Fin qui nulla di male, anzi ci sarebbe da parlare solo in senso positivo; purtroppo non tutto è oro quello che luccica e già la produzione lascia alquanto a desiderare, apparendo molto “old-style” e penalizzando soprattutto la batteria, il cui rullante ad esempio risulta fin troppo “acido” e secco (con il fastidioso risultato da “fustino del detersivo”), mentre la doppia-cassa è troppo bassa e cupa. Immagino che lo stile vintage nel sound sia proprio voluto dal gruppo, ma nel 2021 si fatica ad accettare una cosa del genere. Non convince poi molto nemmeno la voce del singer Andreas Kouratoras, poco espressiva e potente ed alquanto in difficoltà nelle note più alte del pentagramma; c’è sicuramente di peggio in giro, sia chiaro, ma è altrettanto vero che c’è anche di meglio. Il songwriting non è male, anche se alcuni brani soffrono per eccessiva lunghezza (specie nella parte finale della tracklist) ed avrebbero bisogno di una sforbiciata di un paio di minuti per essere più efficaci. Ciò nonostante questo disco si lascia ascoltare senza particolari problemi, e può essere anche piacevole, soprattutto se si comincia ad avere un po’ di anni sulle spalle e magari, come il sottoscritto, si è cresciuti godendosi la scena heavy degli anni ’80; dubito infatti che questi pezzi possano fare breccia nei cuori dei giovani metalheads, a meno che non si sia dei fans della scena più tradizionale. “Return to the dark age” non passerà mai alla storia dell’heavy metal e credo che anche i Crystal Winds ne siano consapevoli, è comunque un discreto debut album che lascia ben sperare per il futuro, a patto che si rivedano alcuni dettagli (a partire dalla produzione) e che non ci sia da aspettare altri 22 anni. Per il momento ci attestiamo appena sotto la sufficienza.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Grimgotts: i 3 EP in un unico album con aggiunta di inediti
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla (probabile) tomba degli Oath Div. 666 risorgono i Disembodiment
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
In attesa del nuovo full-length, gli Ereb Altor rilasciano un buonissimo nuovo EP
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Solo una sufficienza per il nuovo disco dei Bloody Hell
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano dopo otto anni i francesi Seth, ma con quello che è il loro miglior disco
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con quella vena old school/progressive, gli Obsolete debuttano con un signor disco
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Gli Immortal Sÿnn virano verso il thrash
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Conquistador", il debutto super-complesso degli Stone Healer
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Haunt: nel segno della tradizione
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Agli Hellsike! serve un cantante migliore
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Assolutamente promosso il debut album omonimo degli inglesi Cult Burial
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dama, un progetto interessante per chi si nutre di hard rock e metal a 360 gradi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla