A+ A A-
 

I Rascal ed un debutto di puro speed metal I Rascal ed un debutto di puro speed metal Hot

I Rascal ed un debutto di puro speed metal

recensioni

gruppo
titolo
"Headed towards destruction"
etichetta
Ossuary Records
Anno

TRACKLIST:
1. Headed towards destruction
2. After the sunset
3. Don’t look back
4. Hold the line
5. Kingdom of misery

LINE-UP:
Krystian Grobel – Bass
Krzysztof Kamiński – Drums
Adrian Wiązowski – Guitars
Maciej Zybura – Guitars
Kacper Pędziszewski - Vocals

opinioni autore

 
I Rascal ed un debutto di puro speed metal 2021-04-11 17:27:57 Ninni Cangiano
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    11 Aprile, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Arrivano dalla Polonia questi Rascal, si sono formati nel 2019 ed a metà febbraio di quest’anno hanno rilasciato questo loro primo disco, un E.P. intitolato “Headed towards destruction”, composto da 5 pezzi per poco più di 20 minuti di ottimo speed metal. E’ raro nel 2021, trovare gruppi dediti a questo genere di musica alquanto demodé e lontana dai riflettori dei grandi palcoscenici e delle maggiori etichette, fatta eccezione per gli Enforcer e pochissime altre bands storiche (persino gli Agent Steel sono finiti in una label non di primo piano). Ciò nonostante, seppur la ricetta sia sempre quella da tanti anni, credo che lo speed metal abbia ancora qualcosa da dire e penso che i Rascal la pensino esattamente come me! Il loro sound è fortemente radicato agli anni ’80, pur godendo di una produzione al passo con i tempi che mette bene in risalto i vari strumenti e la voce non proprio aggraziata del singer. Ecco, due parole su Kacper Pędziszewski vanno spese: se anche riesce a spingersi in urla acute (come il genere richiede), la sua ugola non è proprio così versatile ed, alla fin fine, il vocalist sulle note più basse risulta anche un po’ monotono (“After the sunset” ne è un esempio in tal senso). Tralasciando il tallone d’Achille dei Rascal, resta da dire che a livello strumentale il gruppo ha tutte le carte in regola per fare breccia nei cuori di chi ama lo speed metal: chitarre affilate come rasoi, basso potente e pulsante ed una batteria che detta sempre ritmi elevatissimi. A metà strada esatta tra heavy e thrash, qui c’è da sbattere su e giù il capoccione in furiosi headbanging senza soluzione di continuità, con rari momenti in cui dare respiro alle nostre povere vertebre cervicali. Se dovessi scegliere il pezzo migliore, indubbiamente andrei su “Don’t look back”, semplicemente strepitosa! Se solo avessero un cantante migliore, i Rascal avrebbero realizzato con questo E.P. di debutto un disco eccezionale, purtroppo così non è ma “Headed towards destruction” rimane un ottimo esempio di come si possa suonare un piacevole speed metal anche nel 2021!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Grimgotts: i 3 EP in un unico album con aggiunta di inediti
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla (probabile) tomba degli Oath Div. 666 risorgono i Disembodiment
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
In attesa del nuovo full-length, gli Ereb Altor rilasciano un buonissimo nuovo EP
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Solo una sufficienza per il nuovo disco dei Bloody Hell
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano dopo otto anni i francesi Seth, ma con quello che è il loro miglior disco
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con quella vena old school/progressive, gli Obsolete debuttano con un signor disco
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Gli Immortal Sÿnn virano verso il thrash
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Conquistador", il debutto super-complesso degli Stone Healer
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Haunt: nel segno della tradizione
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Agli Hellsike! serve un cantante migliore
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Assolutamente promosso il debut album omonimo degli inglesi Cult Burial
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dama, un progetto interessante per chi si nutre di hard rock e metal a 360 gradi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla