A+ A A-
 

Ignorante e maledettamente old school: il trio Bewitcher confeziona un terzo onestissimo album Ignorante e maledettamente old school: il trio Bewitcher confeziona un terzo onestissimo album Hot

Ignorante e maledettamente old school: il trio Bewitcher confeziona un terzo onestissimo album

recensioni

gruppo
titolo
Cursed Be Thy Kingdom
etichetta
Century Media Records
Anno

PROVENIENZA: USA

GENERE: Black/Speed Metal

TRACKLIST:
1. Ashe
2. Death Returns…
3. Satanic Magick Attack =ASCOLTA=
4. Electric Phantoms =OFFICIAL VIDEO=
5. Mystifier (White Night City)
6. Cursed Be Thy Kingdom =OFFICIAL VIDEO=
7. Valley of the Ravens =OFFICIAL VIDEO=
8. Metal Burner
9. The Widow’s Blade
10. Sign of the Wolf

LINE-UP:
M. VON BEWITCHER - vocals, guitars
A. MAGUS - bass, vocals
A. HUNTER - drums

opinioni autore

 
Ignorante e maledettamente old school: il trio Bewitcher confeziona un terzo onestissimo album 2021-04-29 16:00:24 Luigi Macera Mascitelli
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    29 Aprile, 2021
Ultimo aggiornamento: 29 Aprile, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cosa c'è di meglio di un album caciarone e "scapoccione" che senza pretese ti tiene incollato alle cuffiette per una buona mezz'ora con del buon - e sempre mai troppo - vecchio black/speed metal old school? Esatto, niente! Perché diciamolo: al di là di tutta la musica moderna sempre più tecnica ed evoluta, il sonoro sberlone dei vecchi fasti ancora lo si sente bene sulla faccia. E il trio americano Bewitcher lo sa. Eccome se lo sa!
Giunta al suo terzo infernale lavoro, il qui presente "Cursed Be Thy Kingdom", la band si presenta con quanto di più onesto ci si potrebbe aspettare da un genere simile, a cominciare dalla classica e sempre funzionante line-up a tre: chitarra, basso (entrambi alle voci anche) e batteria. E poi tutta l'ignoranza e caciara del mondo per un disco che sa entusiasmare da inizio a fine, pescando nella tradizione che vede Venom, Toxic Holocaust, Midnight, Motorhead, Sodom e Destruction come fonti principali di ispirazione. Come potrebbe suonare male un disco così?! I Bewitcher confezionano una terza prova che vi romperà l'osso del collo a cominciare dalla infernale e tiratissima opener "Death Returns", fino ad arrivare ad un certo tipo di heavy metal molto vicino alle sonorità degli Iron Maiden, come in "Mystifier" o "Metal Burner". Ed il mitico M. Von Bewitcher, con la sua voce corrosiva che non disdegna una ben percepibile somiglianza con Tom "Angelripper" dei Sodom, dà quel tocco in più ad un black/speed metal già di per sé fulmineo e tirato. Il tutto, infine, è condito da un'insolita quanto tangibile grinta che rende l'album maledettamente fresco e godibile. Talmente è energico e impetuoso che chi se ne frega se l'approccio è stato più e più volte sentito. Qui sono l'attitudine ed il crederci a dare linfa vitale a questo infernale e caustico "Cursed Be Thy Kingdom". Dopo averlo ascoltato ti viene voglia di spaccare il mondo, e tanto basta al trio americano per fare un centro pieno. Nessun ghirigoro, o abbellimento del caso, ma puro e semplice old school che vi travolgerà in pieno come un treno in corsa. Super consigliato.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Manntra: dalla Croazia un metal tra folk, industrial e gothic
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Reunion dopo un decennio e primo full-length per i Beyond Man
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli americani Witch Vomit ed un EP pesante come un macigno
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Desaster sono l'esempio concreto di garanzia e attitudine
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Worm Shepherd inaugurano l'entrata in ULR con una ristampa del disco di debutto
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Debutto piuttosto standard quello degli americani Kill The Imposter
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli On Atlas' Shoulders realizzano un disco che non dispiace
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
J.P. Krom, un nome nuovo dal Cile
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Varego: melting pot di stili strano, ma vincente
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Shade Of Memories, nulla di memorabile
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Frozen Hell chiudono la loro carriera con un album dal retrogusto amaro
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla