A+ A A-
 

Chi giudicherà l'opera degli Omega? Chi giudicherà l'opera degli Omega? Nuovo Hot

Chi giudicherà l'opera degli Omega?

recensioni

gruppo
titolo
Nebra
etichetta
Dusktone
Anno

Tracklist: 
1. Pleias
2. Axis
3. Ratis
4. Quadraginta

Line-Up: 
Alexios - Vocals
Mike Crinella - Guitars, Piano, Synth
Adres - Bass
Marco - Drums 

opinioni autore

 
Chi giudicherà l'opera degli Omega? 2021-05-02 23:08:38 Francesco Yggdrasill Fallico
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Francesco Yggdrasill Fallico    02 Mag, 2021
Ultimo aggiornamento: 03 Mag, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ancora un lavoro edito dalla Dusktone che, a distanza di quattro anni dal debut “Eve”, ci propone il ritorno sulle scene dei riminesi Omega.
La proposta dei nostri si articola attraverso sonorità doom, permeate di ambient, ma anche di tutto ciò che sa toccare l’anima, strizzando l’occhio ad un certo jazz noir (sarò forse blasfemo per questa affermazione, ma… pazienza!!!) e si sviluppa in quattro lunghissimi brani che, nel cantato e in un certo lavoro sonoro, sono vicini ad una parte di black scandinavo che negli anni ’90 brillava di luce propria. Pur avendola citata con un’accezione diversa, la Luce è un tema portante di questo lavoro, intesa a tutto tondo, in tutti i suoi svariati significati, partendo dall’uso devastante che se ne fa, sin già dalla front cover, per poi svilupparsi in tutto il meraviglioso booklet che accompagna questa opera che, pur essendo capitata nelle mie mani in versione digitale, presenta una ricca cartella con foto ed immagini. Liricamente e concettualmente, l’album si articola attraverso i sillogismi e le affinità che, nel corso della Storia, hanno accomunato popoli e tradizioni anche lontanissime tra loro, e, ad onor del vero, non ho esitato a ripercorrere mentalmente tanti studi fatti negli anni universitari, coltivando alcune passioni parallele a ciò che approfondivo in quel periodo. Spunti ne troverete parecchi, se saprete cercare e farvi catturare da questa forte scarica esoterica, sapientemente infusa da parte di questi quattro sacerdoti che hanno disseminato in tutta quest’opera una serie di messaggi sonori, ma anche visivi che riveleranno un cammino ben preciso. Non voglio svelarvi nulla di più e mi auguro vi possiate immergere in questo percorso così come, sin dal primo ascolto, ho iniziato a fare in prima persona, facendovi aiutare, perché no, anche dalla visione del primo video che la band ha rilasciato, quella “Ratis” che nei suoi 13 minuti racchiude l’anima di questa immensa realtà, figlia della nostra Cultura: ho proposto il brano in puntata nella sua interezza e, credetemi, di vittime ne ha mietute diverse.
La strada è tracciata, segnata da note di piano, tapping di basso e una batteria sempre puntuale, tutti elementi che faranno da guida ad ogni viandante. A voi dove cercare, se in alto o nella profondità, se nel vento o sulla terra, se all’inizio o alla fine.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Grimgotts: i 3 EP in un unico album con aggiunta di inediti
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla (probabile) tomba degli Oath Div. 666 risorgono i Disembodiment
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
In attesa del nuovo full-length, gli Ereb Altor rilasciano un buonissimo nuovo EP
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Solo una sufficienza per il nuovo disco dei Bloody Hell
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano dopo otto anni i francesi Seth, ma con quello che è il loro miglior disco
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con quella vena old school/progressive, gli Obsolete debuttano con un signor disco
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Gli Immortal Sÿnn virano verso il thrash
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Conquistador", il debutto super-complesso degli Stone Healer
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Haunt: nel segno della tradizione
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Agli Hellsike! serve un cantante migliore
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Assolutamente promosso il debut album omonimo degli inglesi Cult Burial
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dama, un progetto interessante per chi si nutre di hard rock e metal a 360 gradi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla