A+ A A-
 

Debutto solista per l'ex leader degli Acheron, Vincent Crowley Debutto solista per l'ex leader degli Acheron, Vincent Crowley Hot

Debutto solista per l'ex leader degli Acheron, Vincent Crowley

recensioni

titolo
Beyond Acheron
etichetta
Odium Records
Anno

PROVENIENZA: U.S.A. 

GENERE: Black/Death Metal 

FFO: Acheron, Deicide, Mystifier, Rotting Christ, Vital Remains 

LINE UP: 
Vincent Crowley - vocals, bass 
Art Taylor - guitars, bass 
Ryan Arter - drums 
Aaron Werner - keyboards

TRACKLIST: 
1. Intro: Beyond Acheron [01:51] 
2. Where No Lights Shines [05:28] 
3. My Eternal Vow [05:09] =ASCOLTA= 
4. La Muerte [05:29] =ASCOLTA= 
5. Bring Forth the Dead [05:29] 
6. Masquerade du Macabre [06:55] 
7. Farewell (At Death's Door) [05:33] 
8. Outro [00:52] 

opinioni autore

 
Debutto solista per l'ex leader degli Acheron, Vincent Crowley 2021-06-13 11:10:04 Daniele Ogre
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    13 Giugno, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Per oltre trent'anni ha legato il proprio nome ad un nome molto conosciuto della scena underground estrema degli Stati Uniti, quello della Black/Death Metal band Acheron, in qualità di cantante e leader; una volta scioltasi la creatura da lui creata, Vincent Crowley ha scelto di continuarne il percorso mettendosi in solitaria e come solista - o per lo meno come leader di una band che porta il suo nome - debutta oggi su Odium Records con un album dal titolo chiarissimo di "Beyond Acheron". Crowley è insomma andato al di là dell'Acheronte sia metaforicamente che artisticamente - superando la "morte" della precedente band - e lo fa riprendendone per buona parte quelle sonorità maligne che attingevano dalla potenza e dalla violenza del Death Metal di Deicide e Vital Remains e dalle atmosfere 'mistiche' della scena Black mediterranea, Rotting Christ in primis. Aiutano in tal senso anche le tastiere di Aaron Werner, come possiamo ascoltare nelle atmosfere 'sacrali' (sort of...) che vengono date alla buonissima "My Eternal Vow". Crowley - qui accompagnato da Art Taylor (ex-Acheron) e Ryan Arter (ex-Blood Coven) - anche per la maggior impronta atmosferica di questa suona nuova avventura solista sembra prediligere toni più cadenzati, per quanto taglienti e pieni di buone melodie, alle sparate tout court che ci si aspetta dal genere, limitandosi a poche ma ben incisive accelerate, vedasi nella parte conclusiva dell'altro singolo "La Muerte" con quel nemmeno tanto vago retrogusto thrashy.
"Beyond Acheron" incontrerà facilmente i favori di chi già ascoltava ed apprezzava i defunti Acheron, o di chi - ampliando il "bacino di utenza" - è fan dell'occulta leggenda greca (parliamo dei Rotting Christ, chi se no?). Per Vincent Crowley una sufficienza piena in questo suo primo lavoro solista: non aggiunge o toglie nulla al genere, risultando un discreto ascolto pur non facendo gridare al miracolo.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Fans del Power Metal scandinavo, segnatevi il nome degli Evermore!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dark Forest, un EP per i fans degli Elvenking
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arriva anche sul mercato europeo il discreto EP dei Phantasmagore
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il nuovo Zornheym è molto più che un momentaneo sonno della ragione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sufficiente la prima prova su lunga distanza dei Last Retch
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Orgg: in "Dimonios" il grido dei caduti dimenticati!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un EP piuttosto inutile per la one man band Foul Body Autopsy
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ostinazione a rinnegare la personalità: debutto per gli Stormbound
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blood Of Indigo: non sempre esagerare porta buoni risultati
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Andy Gillion: un disco strumentale dedicato ai videogiochi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Daniele Liverani: un disco (parzialmente) diverso dal solito
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dekta: dalla Spagna con un Metal aggressivo e moderno
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla