A+ A A-
 

Gli Hammer King continuano sulla loro strada Gli Hammer King continuano sulla loro strada Hot

Gli Hammer King continuano sulla loro strada

recensioni

titolo
"Hammer King"
etichetta
Napalm Records
Anno

TRACKLIST:
1. Awaken the thunder
2. Baptized by the hammer
3. Onward to victory
4. Hammerschlag
5. Atlantis (Epilogue)
6. We Are the Kingdom
7. Into the storm
8. Ashes to ashes
9. In the name of the hammer
10. King of Kings
11. Holy (Outro)

LINE UP:
Titan Fox - vocals/guitarS
Gino Wilde – guitars
Gladius Thundersword – bass
Dolph Aidan Macallan – drums

opinioni autore

 
Gli Hammer King continuano sulla loro strada 2021-06-15 16:16:45 Ninni Cangiano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    15 Giugno, 2021
Ultimo aggiornamento: 15 Giugno, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ci sono gruppi che sono riusciti a ritagliarsi un proprio spazio di notorietà riprendendo quanto realizzato dai propri idoli e, con un sapiente lavori di copia/incolla, riproporlo in propri dischi interessanti e piacevoli da ascoltare. Fra i tanti, vanno sicuramente annoverati i tedeschi Hammer King che, ispirandosi apertamente a quanto realizzato nei primi dischi dagli Hammerfall, sono riusciti a farsi notare in positivo, guadagnandosi un contratto con la Napalm Records ed arrivando, sotto tale egida, al quarto album con questo omonimo, composto da 10 pezzi (più outro), per un totale di 3/4 d’ora di ottimo power metal. Aggiungete poi che il singer Titan Fox ha uno stile canoro simile a quello di Joacim Cans (pur non cercando furbamente note troppo alte, dove la natura non gli consente di arrivare) e capirete perché le similitudini con gli Hammerfall sono davvero tante. Certo, qualche volta il rischio di cadere nel plagio è abbastanza evidente, tipo in “Hammerschlag” che non può non richiamare “Heeding the call” degli Hammerfall; un evidente richiamo agli Iron Maiden ed alla loro “Heaven can wait”, lo troviamo anche nei cori di “Into the storm”, come una sorta di tributo alla band che sostanzialmente ha creato l’heavy metal. Adesso sta a voi decidere se queste caratteristiche possano essere, o meno, apprezzabili e se la mancanza di originalità sia, o meno, un ostacolo superabile. Per quanto mi riguarda, bado alla sostanza e me ne frego di mode o originalità, così alla domanda se questo disco sia piacevole da ascoltare rispondo senza alcun dubbio in maniera affermativa ed, alla fin fine, è quello che conta! “Hammer King” mi ha fatto trascorrere ogni volta che l’ho ascoltato un po’ di tempo della mia vita in modo gradevole, con musica ruffiana ed orecchiabile, ricca di energia e con parti strumentali ben fatte…. Di tutto il resto me ne importa davvero poco! Detto ciò, mi sembra chiaro che il quarto ed omonimo album dei tedeschi Hammer King passi abbondantemente l’esame; sicuramente non sarà il disco che cambierà la storia del power metal, ma indubbiamente è in grado di far trascorrere ai fans di questo genere di musica un po’ di tempo in maniera più che piacevole!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Hexorcist ed un debut album che sembra arrivare dalla fine degli 80's
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una prova matura al terzo album per i tedeschi Temple of Dread
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Rebellion si confermano su livelli qualitativi elevati
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Altra buona prova per i finlandesi Galvanizer
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sufficiente la prima prova su lunga distanza dei Necrogod
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Space Chaser si meritano la sufficienza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Innasanatorium, ennesimo esempio dell'incapacità del music business
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Lasting Maze possono migliorare
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sin troppo breve il nuovo EP degli algerini Silent Obsession
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Unclesappa: melodie eteree a suon di Ambient & Rock.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una produzione a dir poco mediocre rovina il debut album dei Solus ex Inferis
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla