A+ A A-
 

Il Dark/Goth incontra i fumetti nel Cd dei September Mourning Il Dark/Goth incontra i fumetti nel Cd dei September Mourning Hot

Il Dark/Goth incontra i fumetti nel Cd dei September Mourning

recensioni

titolo
“Melancholia”
etichetta
Repo Records
Anno

Tracklist:

01. Go For The Throat
02. A Place To Call Your Own
03. Always
04. Fallen
05. Love Is War
06. Lost Angels
07. Crimson Skies
08. Seal Your Fate
09. Beyond The Grave
10. Last Embrace

opinioni autore

 
Il Dark/Goth incontra i fumetti nel Cd dei September Mourning 2012-05-23 08:14:11 Corrado Franceschini
voto 
 
2.5
Opinione inserita da Corrado Franceschini    23 Mag, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Da appassionato di comics americani quale sono ho accolto con entusiasmo l’occasione di occuparmi di questo progetto/gruppo messo in piedi dalla cantante Emily Lazar. Il perché è presto detto: la storia completa che fa da tratto d’unione nel C.D. “Melacholia” è nata 3 anni fa dalle menti della stessa Lazar e di Marc Silvestri della Top Cow Comics e vedrà nell’immediato futuro una realizzazione grafica in forma di fumetto a cura proprio della casa editrice americana. Non è un caso se questo racconto, presentato in forma live prima di un concerto di Marilyn Manson, ha attirato al momento l’interesse di siti e webzines più avvezzi al Gothic visto che il concept si situa tra la cultura Dark – Fantasy e narra come una ragazza di nome September usa cuore e spirito per cercare di modificare il fato agendo sugli esseri umani impossessandosi di loro. Tanta ambizione e alcune buone intuizioni si avvalgono della splendida ed eterea voce di Emily Lazar che, all’occorrenza, diventa di volta in volta aggressiva e/o “ringhiosa”. Purtroppo i September Mourning mostrano presto la corda e ciò avviene per diversi fattori. In primo luogo il gruppo ha deciso di auto prodursi e questo, per un genere che va a toccare le “corde” di bands come Lacuna Coil, Evanescence e Nightwish, ma come detto è presente anche il Goth puro, diventa controproducente. In secondo luogo mixaggio e registrazione hanno teso a valorizzare al massimo la voce per relegare gli strumenti in genere e le tastiere in particolare, ad un ruolo di secondo piano. Terzo luogo le canzoni mostrano poca fantasia ed uno schema compositivo abbastanza piatto; attenzione: ho detto schema compositivo e non che sia facile suonare questo genere di musica. Non imputo poi alla band il fatto che mi è toccato ascoltare i files in ordine diverso dalla track list; ho dovuto guardare il libretto per scoprire quello esatto, una cosa che, dove c’è una storia da seguire, non aiuta per niente. Non voglio bocciare questo C.D. visto che le atmosfere tristi e malinconiche sono bene rappresentate anche se nel collegarle con le fasi più Hard mancano alcuni accorgimenti di base. Tra le cose positive metto i ritornelli orecchiabili al punto giusto ed alcuni cori ben eseguiti assieme alla già citata voce di Emily che, a questo punto, dovrebbe trovarsi una band all’altezza e non sforzare troppo quando vuol fare la cattiva provocando invece un effetto “fastidioso” (ma forse ciò è voluto). Per una volta mi limito a segnalarvi una sola traccia, cioè la iniziale “Go For The Throath”, che vi acchiapperà, vi sbatacchierà ben bene, e vi lascerà esanimi sul pavimento. Hard, Power, Goth, da qualsiasi parte lo si guardi/ascolti “Melancholia”poteva e doveva essere arrangiato meglio.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

DIO: Ronnie James never die!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo 22 anni, il debut album dei Crystal Winds
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
In viaggio verso l'abisso coi Saille
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Lion's Daughter si lanciano definitivamente in sperimentazioni stilistiche
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Superano la prova del primo full-length gli irlandesi Soothsayer
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano con un nuovo album dopo 15 anni i Dictatoreyes
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Katana Cartel: l'importanza di uno splendido artwork
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Daniele Liverani: scorribande di chitarra, e musica classica.
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sirius Curse, un EP niente male per debuttare all'interno della scena classica
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ritorno degli Unflesh con un disco seriamente interessante
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Demo "fresca" per i giovani Tezura
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla