A+ A A-
 

Il progetto Undying Sun deve migliorare Il progetto Undying Sun deve migliorare Hot

Il progetto Undying Sun deve migliorare

recensioni

titolo
“Where all begins”
etichetta
Autoproduzione
Anno

TRACKLIST:
1. Where all begins
2. Ascending deception
3. The dark decay
4. Signs of joy
5. Untended light
6. Rise up
7. The promised dawn

LINE-UP:
Luar Shadow Light – vocals
Ángel Antón - guitars
Rafa J. Vegas - bass
Emma Asensi - keyboards
Alberto del Rey - drums

opinioni autore

 
Il progetto Undying Sun deve migliorare 2021-08-28 13:04:14 Ninni Cangiano
voto 
 
2.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    28 Agosto, 2021
Ultimo aggiornamento: 30 Agosto, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gli Undying Sun sono la creazione del singer spagnolo Luar Shadow Light (alias Raúl Martínez Suárez), artista che ammette di essere da sempre ispirato a Tony Kakko. Dopo la scuola, il giovane vocalist si è dedicato alla composizione, preparando sette tracce per il proprio primo album intitolato “Where all begins”. Ha reclutato dei session men per suonare i vari strumenti e si è affidato al produttore Jesús Yanes (famoso per lavori con artisti spagnoli, molti dei quali lontani dal mondo metal) per registrare le sue composizioni. Ne è venuto fuori un dischetto di poco superiore a 32 minuti di piacevole Power Metal melodico, abbastanza scontato e poco originale, ma che musicalmente è gradevole, anche per l’uso diffuso delle tastiere, come ad esempio nella romantica ballad “Untended light”. Ci sono tuttavia diversi particolari che andrebbero migliorati; essendo un’autoproduzione non si può pretendere la luna nel pozzo, ma ad esempio la batteria poteva essere registrata meglio, dandole maggiore corposità specie sul rullante; la voce poi è registrata ad un volume troppo più alto rispetto agli strumenti che vengono messi di conseguenza in secondo piano (probabilmente questo dipende dalle esperienze in campo pop del producer). Il problema principale però è proprio la voce del singer, non molto espressiva, in difficoltà nelle note più alte in cui a volte sembra addirittura stridula, con poco calore e colore (forse a causa di un’estensione naturale non proprio ampia). Se insomma proprio il leader del progetto diventa il problema principale del progetto stesso, non vedo molti margini di crescita per questi Undying Sun; Luar Shadow Light ha indubbiamente buone capacità compositive (la musica, come detto, è piacevole), ma ha ancora molto da migliorare come vocalist; per il futuro servirà affidarsi a produttori esperti nel mondo metal (per bilanciare meglio voce e strumenti), ma soprattutto proseguire ed approfondire lo studio in campo canoro, al fine di poter migliorare e diventare interessante. Al momento siamo lontani dalla sufficienza, quindi non resta che augurare buona fortuna al progetto Undying Sun!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Non convince quasi per nulla il secondo album dei Centenary
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il casino fatto musica: il debutto degli spagnoli Krossfyre
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Inferi confezionano il disco della loro consacrazione
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Interessante la proposta degli austriaci Infected Chaos
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Paradox Community: energia da vendere ed un bel mix di tante sonorità
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ballsqueezer, il non prendersi troppo sul serio a volte non aiuta
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ground Force, un progetto decisamente ambizioso
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nuovo EP per i Cult Burial, band che appare in costante crescita
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla