A+ A A-
 

Violento, tecnico, dissonante: un debut album che colpisce quello degli Headshrinker Violento, tecnico, dissonante: un debut album che colpisce quello degli Headshrinker Hot

Violento, tecnico, dissonante: un debut album che colpisce quello degli Headshrinker

recensioni

titolo
Callous Indifference
etichetta
Autoproduzione
Anno

PROVENIENZA: U.S.A. 

GENERE: Death Metal 

FFO: Tomb Mold, Pyrrhon, Akercocke, Bloodbath, Morbid Angel 

LINE UP: 
Young Werther - vocals, guitars, synths 
Scott Skopec - guitars 
Frank Lato - bass 
Pete Webber - drums 

TRACKLIST: 
1. The Burn of Indifference [04:10] =ASCOLTA= 
2. Cadaver0s Mind [04:08] 
3. Immolated Witches [04:23] 
4. Wretched Soul [04:39] =ASCOLTA= 
5. Lost to this insomnia [04:22] 
6. Haunted by Your Reflection [06:51] 
7. Suffocating Tomb [03:45] 
8. No Lineage Shall Follow [05:38] 

Running time: 37:56 

opinioni autore

 
Violento, tecnico, dissonante: un debut album che colpisce quello degli Headshrinker 2021-08-31 19:45:40 Daniele Ogre
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    31 Agosto, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Debutto assoluto per gli Headshrinker, band nata come side project che vede coinvolti i tre ex-Polyptych Young Werther (voce, chitarre, synth), Scott Skopec (chitarre) e Frank Lato (basso), a cui si è aggiunto dietro le pelli il batterista degli Havok Pete Webber. Il quartetto di Denver si presenta dunque al grande pubblico con l'autoprodotto "Callous Indifference", album in cui i Nostri riversano influenze provenienti da stili differenti unendoli con estrema fluidità all'interno delle composizioni, tra bordate "classiche" à la Morbid Angel o Tomb Mold, passando per momenti tecnicamente eccelsi e, a tratti, dissonanti che rimandano alle follie di gruppi quali Pyrrhon e Diskord, fino a vere e proprie sfuriate dal sapore Blackened - e non a caso la band cita gli Emperor tra i gruppi che li hanno influenzati -. L'opener "The Burn of Indifference" e la seguente "Cadaver's mind" iniziano a lasciare pochi dubbi su cosa ci aspetterà nei minuti seguenti, prima che l'act statunitense cali l'asso con "Immolated Witches", uno degli highlights maggiori di quest'opera prima (insieme a nostro avviso alla spietata "Wretched Soul" ed il suo groove spaccacollo), il brano in cui, forse più che in altri, si riesce a notare come il songwriting degli Headshrinker sia già notevolmente maturo ed ispirato, complice ovviamente - ci scommettiamo - il grande affiatamento tra i tre vecchi compagni di band; e non che Pete Webber alla batteria sia da meno, tra l'altro. Tecnicamente ineccepibile, prodotto in maniera egregia, con un susseguirsi continuo tra cannonate US Death e cervellotici passaggi dissonanti, "Callous Indifference" è un debut album che colpisce immediatamente nel segno e che saprà tenere incollati all'ascolto dall'inizio alla fine. Sostanzialmente, non possiamo far altro che consigliarvi di buttarvi ad occhi chiusi su questo primo lavoro degli Headshrinker e prenderlo a scatola chiusa. Soprattutto chi ascolta Death Metal senza alcun tipo di paraocchi apprezzerà senza la minima ombra di dubbio questo lavoro.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Non convince quasi per nulla il secondo album dei Centenary
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il casino fatto musica: il debutto degli spagnoli Krossfyre
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Inferi confezionano il disco della loro consacrazione
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Interessante la proposta degli austriaci Infected Chaos
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Paradox Community: energia da vendere ed un bel mix di tante sonorità
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ballsqueezer, il non prendersi troppo sul serio a volte non aiuta
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ground Force, un progetto decisamente ambizioso
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nuovo EP per i Cult Burial, band che appare in costante crescita
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla