A+ A A-
 

demo per i Perceverance demo per i Perceverance In evidenza Hot

demo per i Perceverance

recensioni

titolo
Persistence in time
etichetta
autoprodotto
Anno

1. Chaosgheddon
2. Evil Of The Time To Come
3. Gambling With The Dead
4. Soldiers Of Tomorrow

opinioni autore

 
demo per i Perceverance 2012-05-26 06:30:23 Roberto Orano
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Roberto Orano    26 Mag, 2012
Ultimo aggiornamento: 26 Mag, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Demo ascoltabile online per i nostrani Perseverance, decisamente un pò scomodo da recensire per chi è abituato a ponarsi col lettore-CD, ma comunque lo sforzo è fatto.
Che dire di questo "Persistence In Time", disco di quattro canzoni; beh, facendo un track by track: l'opener "Chaosgheddon" mi ricorda qualcosa da Chaos A.D. dei Sepultura (perdonatemi se non so dirvi il titolo preciso della traccia, ma è un secolo che non li ascolto), con una sterzata che mi sa al cento per cento da qualcos'altro dei Soulfly nu-thrasher-hc degli ultimi lavori. Per fortuna la traccia prende un pò di personalità col bridge che porta ai cinque minuti, ma ancora con l'attacco si ha la sensazione di qualcosa di già sentito in altri dischi, nonostante un buon solo. e un buon ritornello. Forse alla fine appare un tantino lunga per il genere.
"Evil Of The Time To Come" è una traccia che ha sicuramente più personalità della precedente, con buone ripartenze veloci e poi giù di grancassa, e ancora una volta un buon assolo di chitarra, espressiva e melodica, a differenza di altre bands dello stesso genere. "Gambling With The Dead" è molto più heavy metal, ma non riesce ad essere incisiva, apparte un ritornello sufficiente, ma forse anche l'eccessiva durata non aiuta la band con questa traccia. La conclusiva "Soldiers Of Tomorrow", seppur poco originale, risulta piacevole, ma anche un pò scontata a dir la verità.
In linea di massima, possiamo dire che questo demo ha come unica pecca il songwriting. La band dovrà lavorare parecchio per trovare una linea più personale, perchè la sensazione di "già sentito" sembra davvero fin troppo persistente durante l'ascolto di questi quattro pezzi che, però, hanno messo in luce buone capacità tecniche ed una produzione curata che renderanno comunque piacevole l'ascolto ai fans di Testament e Megadeth.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

DIO: Ronnie James never die!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo 22 anni, il debut album dei Crystal Winds
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
In viaggio verso l'abisso coi Saille
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Lion's Daughter si lanciano definitivamente in sperimentazioni stilistiche
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Superano la prova del primo full-length gli irlandesi Soothsayer
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano con un nuovo album dopo 15 anni i Dictatoreyes
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Katana Cartel: l'importanza di uno splendido artwork
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Daniele Liverani: scorribande di chitarra, e musica classica.
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sirius Curse, un EP niente male per debuttare all'interno della scena classica
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ritorno degli Unflesh con un disco seriamente interessante
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Demo "fresca" per i giovani Tezura
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla