A+ A A-
 

Paradox Community: energia da vendere ed un bel mix di tante sonorità Paradox Community: energia da vendere ed un bel mix di tante sonorità Nuovo

Paradox Community: energia da vendere ed un bel mix di tante sonorità

recensioni

titolo
Omega
etichetta
Autoproduzione
Anno

Line up:
Thomas Plum - Drums
Henk Humberg - Bass
Mirko Mucha - Guitars, Vocals

Tracklist:
1. White Chapel
2. Symbol Of Freedom
3. Are We Living In A Dream
4. Northern Star
5. Desire 2
6. Burning
7. Silent Sadness
8. Until We Never Die
9. No Respect
10. Paradox Community

opinioni autore

 
Paradox Community: energia da vendere ed un bel mix di tante sonorità 2021-09-14 10:54:53 Celestial Dream
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Celestial Dream    14 Settembre, 2021
Ultimo aggiornamento: 14 Settembre, 2021
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un mix di metal moderno, thrash, progressive e chi più ne ha più ne metta in questo “Omega”, disco pubblicato dai tedeschi Paradox Community. Un lavoro pregno di carica ed energia che prende spunto da Pantera, Black Sabbath, Alterbridge e Megadeth. Insomma davvero un bel miscuglio sonoro che colpisce con autorità lungo la tracklist con la partenza fulminea di “White Chapel” e passando attraverso le note oscure di “Symbol Of Freedom” e quelle più rabbiose di “Are We Living In A Dream” prima e di “Northern Star” con i suoi riff granitici poco dopo, brani costruiti sull'ugola dinamica di Mirko Mucha. La band sembra essere sempre a proprio agio muovendosi con disinvoltura e creando brani lineari che non danno mai l'impressione di possedere al loro interno idee forzate. Ed un plauso va alla produzione, secca e potente, niente a che vedere con le registrazioni pompose tanto di moda negli ultimi anni; qui sembra di tornare agli anni '80 e '90, con tutti gli strumenti che suonano puliti e sinceri. Il basso di Henk Humberg apre la via della progressiva “Desire 2”, che va a braccetto con le sonorità ricercate di “Until We Never Die”, mostrando un'ulteriore faccia del sound del trio tedesco, che non smette di stupire neanche sulle note più drammatiche di “Silent Sadness”, con la sua partenza sofferente che poi lascia spazio a riff più corposi.
“Omega” miscela con sapienza varie sonorità ed esplode dallo stereo con sicurezza ed audacia. Mancano forse quei brani capaci di fissarsi in testa e ad obbligarti all'ascolto continuo, ma siamo sicuri che questa sia una release capace di accontentare molti ascoltatori.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Non convince quasi per nulla il secondo album dei Centenary
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il casino fatto musica: il debutto degli spagnoli Krossfyre
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Inferi confezionano il disco della loro consacrazione
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Interessante la proposta degli austriaci Infected Chaos
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Paradox Community: energia da vendere ed un bel mix di tante sonorità
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ballsqueezer, il non prendersi troppo sul serio a volte non aiuta
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ground Force, un progetto decisamente ambizioso
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nuovo EP per i Cult Burial, band che appare in costante crescita
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla