A+ A A-
 

Interessante la proposta degli austriaci Infected Chaos Interessante la proposta degli austriaci Infected Chaos Hot

Interessante la proposta degli austriaci Infected Chaos

recensioni

titolo
Dead Aesthetics
etichetta
Autoproduzione
Anno

PROVENIENZA: Austria 

GENERE: Melodic/Blackened Death Metal 

FFO: God Dethroned, Hypocrisy, Kataklysm, Hate, Panzerchrist 

LINE UP: 
Christian - vocals 
Matthias - guitars 
Martin - guitars 
Ronny - bass 
Matze - drums 

TRACKLIST: 
1. When Yonder Calls My Name [05:43] 
2. Hollow Chars [03:22] 
3. Eager Breed the Gods of Pestilence [04:04] 
4. Gehenna [04:28] =VIDEO= 
5. Iron Nights [04:40] 
6. And thus I Fell [04:52] 
7. Death Metal Shock Prayer [03:56] 
8. Pitch-Black Fever [03:36] 
9. Away [05:22] 
10. Lethargia [04:58] 
11. Of Death and Birth [05:20] 

Running time: 50:21 

opinioni autore

 
Interessante la proposta degli austriaci Infected Chaos 2021-09-16 17:32:26 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    16 Settembre, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Si formano nel 2014 gli austriaci Infected Chaos, quando tre membri degli sciolti Chaosreign decidono di fondare una nuova band; da allora il quintetto ha rilasciato tre album: "The Wake of Ares" nel 2015, "Killing Creator" nel 2017 ed infine questo "Dead Aesthetics", appena uscito in maniera indipendente. E' una proposta interessante, comunque, quella degli Infected Chaos, dediti ad un mix tra il roccioso Melodic Death dalle tinte fosche di Kataklysm e Hypocrisy ed un Blackened Death di forte matrice centro-europea (God Dethroned, Hate), in cui non mancano tra l'altro passaggi vicini alla visione più moderna del genere; ed il risultato, come detto, è quanto mai interessante, grazie ad una tracklist compatta in cui melodie e ferocia si sposano benissimo. Certo, forse la tracklist è un po' lunghetta e si rischia di arrivare in fondo con un senso di "stanchezza", ma ciò non toglie che gli Infected Chaos usano molto bene le frecce della loro faretra, basti ascoltare il singolo "Gehenna", ma anche pezzi decisamente molto buoni come l'opener "When Yolder Calls My Name", "Pitch-Blck Fever" e "Lethargia", che fanno passare in secondo piano anche episodi meno riusciti come "Hollow Chars", brano che può comunque contare su di una parte solista più che soddisfacente.
Un paio di canzoni in meno, a nostro avviso, avrebbero maggiormente giovato all'economia del disco, ma comunque "Dead Aesthetics" resta un lavoro più che buono, che magari non passerà alla storia, ma potrà permettervi di conoscere una nuova realtà europea che sembra avere già un bel po' da dire. Da seguire in futuro con attenzione.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Cradle of Filth, se l'Esistenza è futile, questo album non lo è per niente!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I canadesi Ravenous ci regalano un power fresco e frizzante
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Col terzo album i Worm si confermano una band in costante crescita
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
U.D.O.: un monumento al Dio metallo
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Shadowland, Heavy dagli USA per nostalgici degli anni '80
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debut album dei Catalyst Crime non è male, ma strappa solo la sufficienza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

L'expanded edition del debut album dei Runescarred
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Trumbiten, un secondo EP che non dispiace
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rage In My Eyes, ancora un lavoro di qualità superiore
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Si fanno decisamente notare gli Spiritual Deception grazie ad un buonissimo EP
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
My Haven: un debutto interessante per gli amanti delle female vocals
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Hrom e la leggenda di Powerheart
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla