A+ A A-
 

Tra classico e moderno, la buona proposta dei Lower 13 Tra classico e moderno, la buona proposta dei Lower 13

Tra classico e moderno, la buona proposta dei Lower 13

recensioni

gruppo
titolo
Embrace The Unknown
etichetta
Pure Steel Records
Anno

TRACKLIST:
1. Embrace The Unknown
2. Reflection Of Me
3. Hollowed
4. Darker Days Ahead
5. Last Of Our Kind
6. Self Sabotage
7. Our Collapse
8. Heal
9. Continue On

LINE-UP:
Sean Balog – bass, vocals
Patrick Capretta – guitars, vocals
Eric Kruger – drums

opinioni autore

 
Tra classico e moderno, la buona proposta dei Lower 13 2021-10-06 13:08:16 Celestial Dream
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Celestial Dream    06 Ottobre, 2021
Ultimo aggiornamento: 06 Ottobre, 2021
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Altra band in arrivo da Cleveland e ancora sotto le ali dell'etichetta tedesca Pure Steel Records, che stavolta si spinge su territori più moderni con i Lower 13, powertrio con tre studio album all'attivo che getta sì le basi del proprio sound nell'Heavy più classico e di scuola americana, ma con influenze attuali molto evidenti che si spingono fino ad atmosfere moderne, sia per quanto riguarda la produzione che per qualche passaggio estremo accompagnato dalla voce growl; autentiche sfuriate in stile Metalcore che incontriamo ad esempio con “Hollowed”, pezzo rabbioso che colpisce con vigore. Insomma nei quaranta minuti, poco più, di musica all'interno di questo "Embrace The Unknown" si spazia tra qualche sonorità classica ad altre (la maggioranza) altamente aggressive, con suoni che niente hanno a che fare con le tipiche produzioni degli anni Ottanta e Novanta. Il cantato caratterizza molto questa release alternando momenti melodici ma dal tocco “Alternative” - alla Alter Bridge per intenderci - ad esplosioni violente fino a qualche raro momento più classic.
Un disco non per tutti quindi visto che i veri metaller vecchio stampo potrebbero storcere il naso sulle divagazioni Pop-Metalcore di “Darker Days Ahead” o incontrando i riff distorti della massiccia “Self Sabotage”, ma ci sono diversi motivi per ascoltare un disco come questo, apprezzandolo. Dall'energia che riesce a trasmettere (ascoltare per credere la song d'apertura!) senza dimenticare le buone melodie, eleganti nel caso della lenta “Continue On”, che chiude le danze nel finale.
Felice di essere smentito, ma dubito che i Lower 13 venderanno milioni di copie nella loro carriera; quel che è certo è che il terzetto dall'Ohio sa il fatto suo e se amate le sonorità più moderne che comunque lanciano sempre un timido sguardo al classico, allora gettatevi senza troppi timori su questo disco.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Cradle of Filth, se l'Esistenza è futile, questo album non lo è per niente!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I canadesi Ravenous ci regalano un power fresco e frizzante
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Col terzo album i Worm si confermano una band in costante crescita
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
U.D.O.: un monumento al Dio metallo
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Shadowland, Heavy dagli USA per nostalgici degli anni '80
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debut album dei Catalyst Crime non è male, ma strappa solo la sufficienza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

L'expanded edition del debut album dei Runescarred
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Trumbiten, un secondo EP che non dispiace
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rage In My Eyes, ancora un lavoro di qualità superiore
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Si fanno decisamente notare gli Spiritual Deception grazie ad un buonissimo EP
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
My Haven: un debutto interessante per gli amanti delle female vocals
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Hrom e la leggenda di Powerheart
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla