A+ A A-
 

Titanica raccolta di rarità per i Katatonia!!! Titanica raccolta di rarità per i Katatonia!!! Hot

Titanica raccolta di rarità per i Katatonia!!!

recensioni

gruppo
titolo
Mnemosynean
etichetta
Peaceville Records
Anno

Tracklist: 
Disc 1 
1. Vakaren
2. Sistere
3. Wide Awake In Quietus
4. Night Comes Down
5. Second
6. The Act Of Darkening
7. Ashen
8. Sold Heart
9. Displaced
10. Dissolving Bonds
11. Unfurl
12. Code Against The Code
Disc 2
1. Wait Outside
2. Sulfur
3. March 4
4. O How I Enjoy The Light
5. Help Me Disappear
6. Fractured
7. No Devotion
8. Quiet World
9. Scarlet Heavens
10. In The White (Urban Dub)
11. My Twin (Opium Dub Version)
12. Soil`s Song (Krister Linder 2012 remix)
13. Day And Then The Shade (Frank Default remix)
14. Idle Blood (Linje 14)
15. Hypnone (Frank Default Hypnocadence mix)

opinioni autore

 
Titanica raccolta di rarità per i Katatonia!!! 2021-10-06 15:47:22 ENZO PRENOTTO
voto 
 
3.5
Opinione inserita da ENZO PRENOTTO    06 Ottobre, 2021
Ultimo aggiornamento: 06 Ottobre, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ed è turno anche per i Katatonia di festeggiare i trent'anni di carriera e per la speciale occasione si è deciso di pubblicare una mostruosa raccolta/collezione di tutte le rarità e B-sides del celebre gruppo svedese, comprensivi di tracce inedite, bonus tracks, cover ed anche alcuni remix. Questo viaggio sonoro ripercorre quasi tutta la carriera della band prendendo in esame il periodo dal 1994 al 2016. Il viaggio viene chiamato "Mnemosynean", una rappresentazione dei ricordi, ed è stato scelto perché le iscrizioni tombali risalenti al 400 a.C. dicono che i morti potevano mantenere i loro ricordi evitando di bere dal fiume Lete, e bere invece dal flusso che scorre dal lago di Mnemosyne (la dea della memoria). Inutile stare a raccontare i molteplici cambiamenti ed evoluzioni che hanno segnato la compagine Gothic/Doom Metal prima, Progressive Rock poi, ma per chi non la conoscesse si consiglia caldamente di partire dal periodo più oscuro e gotico per poi capire al meglio tutto ciò che è successo negli anni. In effetti operazioni discografiche di questo tipo sono principalmente consigliate ai fan sfegatatati ed ai completisti dato che moltissimo di questo materiale si può recuperare nelle ristampe o nelle edizioni di recente pubblicazione. Per non allungare troppo il brodo si descriverà unicamente il contenuto vero e proprio senza andare ad analizzare troppo le singole tracce.

Il primo troncone che si prenderà in esame comprende dei brani bonus provenienti dalla versione limitata di "The Fall Of Hearts". “Vakaren”, “Sistere” e “Wild Awake In Quietus” arrivano da un periodo molto soffuso e sperimentale con la componente Metal molto ridotta e si sentono influenze elettroniche e Folk, ed in generale è un lavoro melodico molto grigio e desolante molto caro agli Opeth. “Night Comes Down” è invece una cover dei Judas Priest, contenuta unicamente nella edizione giapponese e si presenta molto più notturna ed apocalittica.
Si passa poi al periodo di "Viva Emptiness", ma non la versione originale del 2003 bensì quella ri-registrata nel 2013 con l’aggiunta di un nuovo comparto di tastiere. La traccia “Wait Outside” è un inedito e figura unicamente nella nuova edizione focalizzandosi su di un mood epico e sinfonico.
Segue un nutrito lotto di brani bonus provenienti dalla riedizione del 2014 di "Last Fair Deal Gone Down". “Sulfur”, “March4”, “Help Me Disappear” sono episodi più duri e massicci, lenti e grevi, decisamente riusciti e convincenti soprattutto il crescendo elettrico di "Sulfur". “Oh How I Enjoy The Light” è un’altra cover, stavolta dei Palace, presente unicamente nella ristampa del decimo anniversario come traccia bonus. E’ un pezzo lento e minimale, ipnotico quasi slowcore rispetto alla versione originale decisamente più leggera.
“Second” e “The Act Of Darkening” sono bonus tracks dell’edizione limitata di "Dead End Kings" e seguono la linea Prog Metal del succitato album aprendosi anche ad intermezzi epici e pomposi.
Il prossimo troncone si occupa delle tracce extra “Fracrured” e “No Devotion” prese dalla ristampa del 2003 di "Tonight’s Decision". Questo periodo è molto gotico e dark con chitarre spesse e ritmiche molto massicce.
Arriva poi un altro corposo gruppo di canzoni extra tratte dalla ristampa di "Night Is The New Day", per la precisione la Tour Edition. “Ashen” è semplicemente una versione leggermente differente rispetto all’originale che si trova unicamente nella prima stampa in CD svedese e quella in vinile. “Sold Heart” è molto intensa con delle melodie di ampio respiro mentre i due remix “Day And Then The Shade (Frank Deafult Remix)” e "Idle Blood (Linje 14)" sono forse le chicche più interessanti da assaporare con calma.
Altre due tracce bonus sono estrapolate dalla ristampa del 2007 di "Discouraged Ones". “Quiet World” suona ferale e drammatica, mentre i dieci minuti di “Scarlet Heavens” sono un epico crescendo immerso nella depressione.
Una porzione abbondante di tracce bonus arriva da "The Great Cold Distance", e per la precisione molte sono reperibili unicamente nella ristampa in vinile oppure nella versione Artbook del 2015. La maggior parte sono ben bilanciate fra durezza metallica e melodia. “Dissolving Bonds” e “Displaced” completano la visione del disco come pure “Code Against Code”. Le altre tracce sono versioni dub e remix che funzionano molto bene e donano un’atmosfera particolare alle tracce: "In the White" (Urban Dub Mix), “My Twin” (Opium Dub Version), “Unfurl” è un inedito ma ha comunque un bel tiro dub ed infine “Soil's Song (Krister Linder 2012 Remix)”.
Completa la titanica raccolta una versione remix presente nella versione singolo di "Buildings" a nome “Hypnone (Frank Default Hypnocadence mix)”.

Solo ed unicamente per chi vuole TUTTO di una determinata band, per gli altri la release può essere tranquillamente evitata. Scelta commerciale molto azzardata ma comunque decisamente esaustiva.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Cradle of Filth, se l'Esistenza è futile, questo album non lo è per niente!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I canadesi Ravenous ci regalano un power fresco e frizzante
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Col terzo album i Worm si confermano una band in costante crescita
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
U.D.O.: un monumento al Dio metallo
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Shadowland, Heavy dagli USA per nostalgici degli anni '80
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debut album dei Catalyst Crime non è male, ma strappa solo la sufficienza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

L'expanded edition del debut album dei Runescarred
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Trumbiten, un secondo EP che non dispiace
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rage In My Eyes, ancora un lavoro di qualità superiore
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Si fanno decisamente notare gli Spiritual Deception grazie ad un buonissimo EP
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
My Haven: un debutto interessante per gli amanti delle female vocals
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Hrom e la leggenda di Powerheart
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla