A+ A A-
 

Un buon passo avanti rispetto lo scorso anno per gli Atræ Bilis Un buon passo avanti rispetto lo scorso anno per gli Atræ Bilis

Un buon passo avanti rispetto lo scorso anno per gli Atræ Bilis

recensioni

titolo
Apexapien
etichetta
20 Buck Spin
Anno

PROVENIENZA: Canada 

GENERE: Death Metal 

FFO: Ulcerate, Gorguts, Morbid Angel, Immolation, Cryptopsy 

LINE UP: 
Jordan Berglund - vocals 
David Stepanavicius - guitars 
Brendan Campbell - bass 
Luka Govednik - drums 

TRACKLIST: 
1. Theta [01:43] 
2. Lore Beyond Bone [05:03] =ASCOLTA= 
3. By the Hierophant's Maw [03:13] 
4. Open the Effigy [03:58] 
5. Bacterium Abloom [04:51] =ASCOLTA= 
6. Into the Seas of Sepsis [03:22] 
7. Hymn of the Flies [04:00] 
8. To Entomb the Aetherworld [05:33] =PLAYTHROUGH VIDEO= 

Running time: 31:43 

opinioni autore

 
Un buon passo avanti rispetto lo scorso anno per gli Atræ Bilis 2021-10-08 18:08:53 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    08 Ottobre, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Abbiamo incontrato l'anno scorso i canadesi Atræ Bilis, band che con l'EP di debutto "Divinihility" aveva messo in mostra un innato talento, seppur con qualche cosa da affinare. Nel giro di 14 mesi sembra che il quartetto di Vancouver si sia messo di buona lena al lavoro, con il risultato che questo loro primo full-length a titolo "Apexapien" non mostra più le piccole incertezze del precedente lavoro. Passati da Transcending Obscurity ad un'altra delle grandi label underground, 20 Buck Spin, i Nostri confermano il loro saper prendere ispirazione da più stili di Death Metal, riuscendo ad unire adesso il tutto con una maggiore fluidità: dal mood Avant-garde di gruppi come Ulcerate e Gorguts fino a brutali passaggi della "vecchia scuola" Morbid Angel, Immolation, Hate Eternal...), passando però stavolta con maggior enfasi anche per un Technical Death da inizi anni 2000, come possiamo ascoltare ad esempio nell'ottima parte centrale di "Lore Beyond Bone" ed i suoi forti rimandi ai Cryptopsy del medio periodo. Grazie anche - e soprattutto - ad un comparto strumentale in forma smagliante, gli Atræ Bilis riescono a spiazzare non solo di brano in brano, ma anche all'interno di una stessa canzone riuscendo a mettere insieme sonorità che distano tra loro - se parliamo di Death Metal - praticamente un'era geologica; prendete "By the Hierophant's Maw", "Open the Effigy" o la conclusiva "To Entomb the Aetherworld"... e tra queste soprattutto la seconda con repentini cambi non solo di tempo, ma anche letteralmente di stile tra brutali bordate, alienanti arpeggi ed una parte centrale con un pesantissimo breakdown tipicamente Groove/Death. Qualche purista del genere potrebbe anche storcere il naso davanti a questi momenti più moderni, ma d'altro canto non potrà non rimanere impressionato quando l'act canadese decide di picchiare duro. E i Nostri sanno benissimo come farlo. "Apexapien" è probabilmente uno di quegli album che non farà presa su tutti, o per lo meno non al primo ascolto. Il primo full degli Atræ Bilis merita sicuramente più di un ascolto per poterlo realmente apprezzare nelle sue intricate trame. E pezzi come "Bacterium Abloom" vi ripagheranno della pazienza poi

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Cradle of Filth, se l'Esistenza è futile, questo album non lo è per niente!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I canadesi Ravenous ci regalano un power fresco e frizzante
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Col terzo album i Worm si confermano una band in costante crescita
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
U.D.O.: un monumento al Dio metallo
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Shadowland, Heavy dagli USA per nostalgici degli anni '80
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debut album dei Catalyst Crime non è male, ma strappa solo la sufficienza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

L'expanded edition del debut album dei Runescarred
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Trumbiten, un secondo EP che non dispiace
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rage In My Eyes, ancora un lavoro di qualità superiore
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Si fanno decisamente notare gli Spiritual Deception grazie ad un buonissimo EP
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
My Haven: un debutto interessante per gli amanti delle female vocals
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Hrom e la leggenda di Powerheart
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla