A+ A A-
 

Col terzo album i Worm si confermano una band in costante crescita Col terzo album i Worm si confermano una band in costante crescita Hot

Col terzo album i Worm si confermano una band in costante crescita

recensioni

gruppo
titolo
Foreverglade
etichetta
20 Buck Spin
Anno

PROVENIENZA: USA 

GENERE: Death/Doom Metal 

FFO: Disembowelment, Spectral Voice, Goatlord, Evoken, Atramentus 

LINE UP: 
Phantom Slaughter - vocals, guitars, bass, synths 
Nihilistic Manifesto - guitars (session)
L. Dusk - drums (session) 
Equimanthorn - synths 

TRACKLIST: 
1. Foreverglade [05:26] 
2. Murk Above the Dark Moor [07:38] =VISUALIZER= 
3. Cloaked in Nightwinds 
4. Empire of the Necromancers [07:00] =ASCOLTA= 
5. Subaqueous Funeral [03:38] 
6. Centuries of Ooze [09:47] 

Running time: 44:43 

opinioni autore

 
Col terzo album i Worm si confermano una band in costante crescita 2021-10-23 11:48:10 Daniele Ogre
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    23 Ottobre, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nati come band Black Metal si sono poi affermati con la loro seconda vita gli statunitensi Worm, band Death/Doom floridiana che con "Foreverglade" - arrivato puntuale due anni dopo il capolavoro "Gloomlord", che a sua volta seguiva di due anni il debutto "Evocation of the Black Marsh" - tocca quota tre full-lengths. Worm dunque chiamati a bissare quanto di ottimo si è potuto ascoltare nel precedente lavoro, e le intenzioni sembrano esserci tutte, dato che sono anche passati per quest'opera sotto l'egida di una label specialista in questo genere come 20 Buck Spin. Obiettivo raggiunto comunque, togliamoci subito questo dubbio; "Foreverglade" è un album Death/Doom crudo e ferale, supportato da una produzione perfetta con suoni molto ben bilanciati e potenti: si distingue tutto quello che i Worm ci offrono in questa loro terza fatica, senza che vanga meno mai la malsana cattiveria che impregna ogni singolo passaggio delle composizioni. Riffoni dai toni bassissimi ed estremamente cupi, una sezione ritmica che scandisce tempi apocalittici, le vocals cavernose del mastermind Phantom Slaughter: lungo cinque lunghissimi brani - fanno eccezione i tre minuti e mezzo di "Subaqueous Funeral " - i Worm sembrano trascinarci a colpi di riff pachidermici nel più profondo delle paludi delle Everglades. I 3/4 d'ora di "Foreverglade" scorrono via senza un attimo di stanca, complici anche, dobbiamo ammetterlo, i synth di Phantom Slaughter ed Equimanthorn, che donano ai brani anche una certa aurea orrorifica. Il singolo "Murk Above the Dark Moor" è non solo il miglior pezzo dell'album, ma anche probabilmente il migliore scritto sinora dai Worm, ma non sono per niente da meno anche "Empire of the Necromancers" e la bordata conclusiva "Centuries of Ooze".
I Worm si confermano come una band in costante crescita: "Foreverglade" è un disco maturo, scritto, suonato e prodotto in maniera eccelsa. E si ha comunque la sensazione che dall'act floridiano ci si possa aspettare ulteriori passi in avanti: se non cambiano le tempistiche, lo scopriremo tra due anni. Al momento possiamo comunque dire che "Foreverglade" dei Worm è il miglio album Death/Doom dell'anno, almeno fino ad ora, visto che a breve arriverà il nuovo Mortiferum. Comunque sia, se siete amanti di queste sonorità, il terzo album dei Worm è semplicemente un "Must Have".

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Il debut album degli Evil Hunter
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Evil Hunter, poteva essere anche meglio!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Devil Cross, quando già il "biglietto da visita" non promette bene....
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Gamma Ray festeggiano il trentennale con un live album
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Discordance: Death Metal da Ferrara
Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Piacevole hard rock per i No Names
Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Autoproduzioni

Trend Kill Ghosts: una piacevole sorpresa dal Brasile
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buon debutto da parte dei finlandesi i Helvete
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosa Nocturna: un buon progetto ma con qualche difetto di troppo
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jason Payne & The Black Leather Riders: una band da tenere d'occhio
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto assoluto per gli italianissimi Spiral Wounds
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli appassionati di Gothic con voce maschile ecco i Basement's Glare
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla