A+ A A-
 

E.P. dei Winter Haze E.P. dei Winter Haze Hot

E.P. dei Winter Haze

recensioni

titolo
Silent deception
etichetta
autoprodotto
Anno

 

1)Cross the sea

 

2)Vacuum

 

3)Silent deception

 

4)The watchmaker

 

opinioni autore

 
E.P. dei Winter Haze 2012-05-26 17:55:22 Ninni Cangiano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    26 Mag, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Parmensi Winter Haze, a distanza di 3 anni dal debut album “The storm within”, tornano con un E.P. intitolato “Silent deception”. Il genere suonato dai Winter Haze è molto godibile, mescolando una base power metal con stilemi del gothic sinfonico, con il risultato di un sound decisamente orecchiabile che mi ha fatto tornare in mente gli indimenticabili Power Symphony, sottovalutata band italiana attiva una decina di anni fa, con la differenza che la voce di Giorgia dei Winter Haze è persino migliore di quella dell’affascinante Michela D’Orlando. Questo lavoro è composto da 4 pezzi; si parte con “Cross the sea”, brano molto melodico che non sfigurerebbe in uno dei più recenti albums dei Nightwish, con un coretto molto easy che si ficca in testa al primo ascolto ed un lavoro al basso di Low che mi è piaciuto molto! In “Vacuum” si cominciano a sentire back-vocals in growling (ignoro chi ne sia l’autore, sorry) decisamente indovinate; il brano è molto duro e veloce, scandito alla grande dalla batteria di Theo. Segue la title-track, scelta anche per la realizzazione di un video, si tratta di un brano strepitoso e decisamente intrigante, con duetti tra la splendida voce lirica di Giorgia con un cupo growling che hanno convinto anche uno come me che non sopporta più questo stile di canto così aggressivo; da segnalare anche la presenza di una seconda voce maschile pulita molto gradevole. Si chiude alla grande con “The watchmaker”, brano più lento e meditato, con passaggi anche alienanti ed atmosfere romantico-decadenti, più tipicamente gothic. Quattro pezzi decisamente piacevoli per un E.P. intitolato “Silent deception” che ci presenta una band in forma smagliante! Non ci resta che attendere il nuovo album, sperando che qualche label si accorga di loro....

Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

DIO: Ronnie James never die!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo 22 anni, il debut album dei Crystal Winds
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
In viaggio verso l'abisso coi Saille
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Lion's Daughter si lanciano definitivamente in sperimentazioni stilistiche
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Superano la prova del primo full-length gli irlandesi Soothsayer
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano con un nuovo album dopo 15 anni i Dictatoreyes
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Katana Cartel: l'importanza di uno splendido artwork
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Daniele Liverani: scorribande di chitarra, e musica classica.
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sirius Curse, un EP niente male per debuttare all'interno della scena classica
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ritorno degli Unflesh con un disco seriamente interessante
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Demo "fresca" per i giovani Tezura
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla