A+ A A-
 

Top Album del 2021 per gli Exodus? Top Album del 2021 per gli Exodus? Hot

Top Album del 2021 per gli Exodus?

recensioni

gruppo
titolo
Persona Non Grata
etichetta
Nuclear Blast Records
Anno

TRACKLIST
1. Persona Non Grata
2. R.E.M.F.
3. Slipping Into Madness
4. Etilist
5. Prescribing Horror
6. The Beatings Will Continue (Until Morale Improves)
7. The Years Of Death And Dying
8. Clickbait
9. Cosa Del Pantano
10. Lunatic-Liar-Lord
11. The Fires Of Division
12. Antiseed

LINE UP:
Steve "Zetro" Souza - Vocals
Gary Holt - Guitars
Lee Altus - Guitars
Jack Gibson - Bass
Tom Hunting - Drums

opinioni autore

 
Top Album del 2021 per gli Exodus? 2021-12-12 10:16:26 Francesco Noli
voto 
 
5.0
Opinione inserita da Francesco Noli    12 Dicembre, 2021
Ultimo aggiornamento: 12 Dicembre, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Che dire di una band come gli Exodus che non sia stato già scritto? Difficile trovare le parole di questa iconica verità caparbia, possente, emozionale e grintosa. Ogni nuova uscita è un soffio al cuore che si tramuta in una gioia incondizionata fatta di note, ritmiche roboanti, groove infernale e voce schizzata. Ci sono voluti ben sette anni di attesa per questo "Persona Non Grata" e ne è valsa la pena, tanto da candidarsi come probabile top album dell'anno; nonostante gli impegni di Holt con gli Slayer, il tumore che ha afflitto Tom Hunting (storico batterista che comunque è riuscito a registrare l'album e a debellare il cancro), la pandemia e varie delusioni personali, la band, sotto l'egida della sempre più potente Nuclear Blast, ha assemblato un lotto di canzoni che non fanno una piega, non fanno prigionieri, ma soprattutto non hanno cali d'intensità. Tutte le difficoltà che hanno colpito la band sono state filtrate nel prisma artistico, paradossalmente una panacea in primis per loro ma, di conseguenza, anche per noi; iniziare con la title-track di oltre 7 minuti mostra attributi cubitali, ma anche una sicurezza ormai acquisita nel voler scegliere e fare ciò che più aggrada, variando su dissonanze e cambi di tempo incessanti, su uno Zetro Souza sempre allucinato con quella sua voce urlata e sguaiata che la si ama o la si odia. Parliamoci chiaro, l'undicesimo lavoro in studio degli Exodus è quanto di più succulento si possa trovare, una band che gira a meraviglia già da qualche anno e che qui, grazie ad alcune perle ("Clickbait", "The Art of Dead and Dying", "Swipping into Madness", ma la lista potrebbe continuare fino alla fine dell'album), conferma di essere il top del Thrash Metal attuale, quella vecchia guardia che riesce ancora a dare esempio di tecnica, attitudine ed approccio. Canzoni più articolate e lunghe come "Lunatic-Liar-Lord" scivolano via in un battibaleno, Zetro accenna qualche timido growl in un paio di pezzi ed è cosa voluta, nonché piacevole; "Prescribing Horror" è un'altra gemma più cadenzata e curioso risulta l'intermezzo acustico "Cosa Del Pantano". Lee Altus, ormai da qualche anno in formazione e già membro fondatore dei meravigliosi Heathen, è il perfetto gemello di Gary Holt ed insieme formano una coppia di asce sublime, qualitativamente e compositivamente sopra alla media; gli assoli in questo disco sono forse tra i più belli della storia del gruppo, se presi tutti insieme facendo una disanima generale. C'è poco da dire oltre o da pensare, questo è un disco dove copertina (bellissima), produzione, lyrics e musica si intersecano perfettamente dando vita ad un album sublime da ascoltare tutto d'un fiato e da premere il tasto repeat una volta finito. I "Vecchietti" hanno colpito ancora ed ora non resta che aspettarli in concerto. Lunga vita agli Exodus!!!

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Elettra Storm, un debutto con i controfiocchi!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buonissimo terzo album maturo per gli In Autumn
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Leah ed il Celtic Fantasy Metal
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A tre anni dal debutto assoluto, arriva il primo album dei Damnation
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stellar Remains: un grandioso debut EP sulla scia di Blood Incantation & Co.
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Acrid Death: dalla Germania una band per i fans della vecchia scuola svedese
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Ember Belladonna, un debutto fin troppo poco Metal
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal melodico: debutto per gli Attractive Chaos
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gengis Khan: epica cavalcata
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Asidie presentano un album introspettivo e profondamente umano in chiave Doom
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"The Serpent's Cycle" degli Hyperia : aggressività, potenza e melodia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
No One Alive, un gruppo da tenere d'occhio!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla