A+ A A-
 

Che spettacolo il debut album dei Trend Kill Ghosts Che spettacolo il debut album dei Trend Kill Ghosts Hot

Che spettacolo il debut album dei Trend Kill Ghosts

recensioni

titolo
“Kill your ghosts”
etichetta
Autoproduzione
Anno

TRACKLIST:

1.    Kill your ghosts

2.    Like animals

3.    Fight

4.    Living a lie

5.    Deceivers

6.    Ghost's revolution

7.    Promise

8.    Frozen

9.    Belief

 

 

LINE-UP:

Danilo dill - Bass

Leandro Trostame – Drums

Rogério Oliveira - Guitars

Diogo Nunes – Vocals

opinioni autore

 
Che spettacolo il debut album dei Trend Kill Ghosts 2021-12-17 18:08:59 Ninni Cangiano
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    17 Dicembre, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ci sono alcune volte in cui, collaborando con una webzine come allaroundmetal.com, si scoprono dischi di cui molto probabilmente non si sarebbe mai sentito parlare e che sono delle piccole gemme di grande valore artistico e di gran gusto e qualità; è stato questo il caso per me dei brasiliani Trend Kill Ghosts e del loro secondo album “Until the sunrise again”, uscito purtroppo solo in formato digitale a novembre 2021. Nell’occasione, la band sudamericana ci ha anche inviato il loro primo disco “Kill your ghosts”, anch’esso autoprodotto ed anch’esso, purtroppo, uscito solo in versione digitale nel luglio 2019. Dopo aver recensito l’ultimo album, mi sono messo all’ascolto del suo predecessore più che altro per curiosità, chiedendomi se, visto che ero rimasto affascinato dal secondo full-length, anche il debut potesse essere all’altezza… ebbene, la risposta è stata decisamente affermativa! Sarà per la passione ed il fervore che contraddistingue ogni esordio, sarà per le splendide melodie che ho avuto modo di ascoltare, ma sono rimasto decisamente colpito da questo lavoro! C’è veramente da chiedersi quanto possa essere orbo il music business che ci immorba ed appesta quotidianamente con immondizie musicali e poi gemme di siffatto valore e qualità così elevata finiscono per essere costrette all’autoproduzione in sola versione digitale! Possibile che nessuno si sia accorto di questa fantastica band e si metta a stampare i due full-lengths su cd, diffondendoli in giro per il mondo? Possibile che questi ragazzi che fanno musica così piacevole siano costretti a rimanere nell’underground, mentre porcherie vere e proprie ci vengono propinate da labels più o meno famose? Basterebbe ascoltare la splendida “Fight” per rendersi conto che varrebbe la pena acquistare un eventuale cd! Ma potremmo citare anche la complessa “Frozen”, oppure l’opener “Like animals” (posta subito dopo l’intro che dona il titolo all’album), o anche la tosta “Ghost’s revolution” e la ruffianissima conclusiva “Belief”, finendo per rischiare di citare tutta la tracklist perché qui davvero non c’è spazio per fillers o cali qualitativi di sorta. Un grande debut album, tra i migliori che abbia avuto modo di ascoltare negli ultimi anni in campo power metal; “Kill your ghosts” merita ogni attenzione e risalto, spero solo che qualche attento talent scout si accorga del valore e del talento dei Trend Kill Ghosts, una band davvero eccellente che non merita di rimanere confinata nell’underground!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Nocturna, una nuova band da tenere d'occhio
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Beriedir si confermano su ottimi livelli
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ashes of Ares, un altro disco sicuramente valido!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bullet Ride, un esordio che non convince
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il secondo album dei Worm Shepherd è un capolavoro!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Ecryptus ed il loro tributo Death Metal all'Impero Galattico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Planeswalker, un progetto ispirato al gioco Magic: The Gathering
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Cyrax realizzano un EP nel quale giocano un po' con la propria musica
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Warzaw e l'amore verso l'Heavy degli anni '80
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ilium: un EP decisamente godibile
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debutto degli Ewiniar è una luce nel buio
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le fiabe di Chris Maragoth
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla