A+ A A-
 

Un EP che lascia intravedere margini di miglioramento per i Divine Anger Un EP che lascia intravedere margini di miglioramento per i Divine Anger Hot

Un EP che lascia intravedere margini di miglioramento per i Divine Anger

recensioni

titolo
"Guru of hate"
etichetta
Autoproduzione
Anno

TRACKLIST:
1. Guru of hate
2. Behind the wall
3. Always now (remixed)
4. D-Day
5. When angels sleep

LINE-UP:
ART3M – Vocals
J.J. – Guitars
Luke Krämer – Guitars
Misaki Hayashi – Keyboards
Damon – Drums
Barry Ross – Bass

opinioni autore

 
Un EP che lascia intravedere margini di miglioramento per i Divine Anger 2021-12-27 16:59:27 Ninni Cangiano
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    27 Dicembre, 2021
Ultimo aggiornamento: 27 Dicembre, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Uscito ad inizio agosto, ma arrivatoci solo due settimane fa, eccoci a parlare di “Guru of hate”, EP di debutto dei tedeschi Divine Anger, gruppo di cui non si hanno fotografie, ma solo disegni in stile manga giapponese, oltre a nomi evidentemente d’arte. Un modo come un altro per celare le proprie reali identità e cercare di attirare la curiosità del pubblico. Ma questo non basta per realizzare un buon disco, ci vuole anche la tecnica strumentale (che non manca) ed un songwriting di qualità che, per essere sinceri, non sempre è presente. Prendiamo ad esempio la title-track posta in apertura del disco, un pezzo quasi ai confini del Metalcore, estremamente ripetitivo (ho perso il conto di quante volte sia stato ripetuto il titolo!) letteralmente dilaniato dal growling vomitato dal vocalist; con linee vocali differenti, non così esageratamente aggressive, molto probabilmente avremmo un brano meno peggiore. Già si comincia a ragionare con la successiva “Behind the wall”, song decisamente più convincente, quasi verso lidi Melodic Death Metal, in cui il growling viene ampiamente ridimensionato e relegato quasi al ruolo di backing vocals, come poi sarà nel resto del disco. Il ritmo imposto dall’ottimo batterista mascherato Damon coinvolge e rende il pezzo decisamente frizzante! Con i pezzi successivi viene fuori la radice Power Metal del gruppo ed il singer ART3M dimostra finalmente di avere buone capacità anche con le clean vocals. La versione remixata di “Always now” (brano uscito come singolo ad inizio anno) convince sia per la prestazione canora, ma anche per il carico di groove nel riffing delle chitarre. “D-Day” è un pezzo classicamente Power che fa pensare ai Sabaton, bello agguerrito e tosto, mentre la conclusiva “When angels sleep” è l’immancabile ballad romantica che decolla all’altezza delle parti soliste a centro brano. Fatta eccezione per l’infelice parentesi della title-track (brutta quasi come l’artwork!), questo “Guru of hate” costituisce un buon debutto per i misteriosi tedeschi Divine Anger; si può sicuramente fare di meglio ed il gruppo ne ha sicuramente le capacità e potenzialità; adesso resta da attendere il primo full-length, sperando di ascoltare il buon ART3M che canta decentemente, senza vomitare dietro il microfono!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Nel "nome" di Obituary e Possessed: secondo album per i greci Abyssus
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nocturna, una nuova band da tenere d'occhio
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Beriedir si confermano su ottimi livelli
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ashes of Ares, un altro disco sicuramente valido!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bullet Ride, un esordio che non convince
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il secondo album dei Worm Shepherd è un capolavoro!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Planeswalker, un progetto ispirato al gioco Magic: The Gathering
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Cyrax realizzano un EP nel quale giocano un po' con la propria musica
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Warzaw e l'amore verso l'Heavy degli anni '80
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ilium: un EP decisamente godibile
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debutto degli Ewiniar è una luce nel buio
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le fiabe di Chris Maragoth
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla