A+ A A-
 

Gli Ecryptus ed il loro tributo Death Metal all'Impero Galattico Gli Ecryptus ed il loro tributo Death Metal all'Impero Galattico Hot

Gli Ecryptus ed il loro tributo Death Metal all'Impero Galattico

recensioni

gruppo
titolo
Kyr'am Beskar
etichetta
SBDC Records
Anno

PROVENIENZA: USA 

GENERE: Death Metal 

FFO: Morbid Angel, Immolation, Suffocation, Deicide, Hate Eternal 

LINE UP: 
Mike Michalski - vocals, guitars 
Allen Keller - bass, vocals 
Danny Ryann - drums 

TRACKLIST: 
1. Cauterized Saber Wound Massacre [04:12] 
2. Planetary Enslavement [05:07] 
3. Compulsion to Disintegrate [04:12] =ASCOLTA= 
4. Digested over a Thousand Years [05:40] 

Running time: 19:11 

opinioni autore

 
Gli Ecryptus ed il loro tributo Death Metal all'Impero Galattico 2022-01-16 19:18:26 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    16 Gennaio, 2022
Ultimo aggiornamento: 17 Gennaio, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ci sono diverse saghe cinematografiche che hanno avuto - chi più, chi meno - un grande successo; ma tra queste probabilmente nessuna raggiunge i livelli di fama (ed è altrettanto divisiva non solo tra quelli a cui piace e chi no, ma anche tra i fans stessi) di Star Wars; ed è proprio la celebre saga, ideata da George Lucas ed influenzata dai romanzi del ciclo di Dune di Frank P. Herbert ed i film di Akira Kurosawa (in particolare La Fortezza Nascosta), il tema portante dei death metallers americani Ecryptus, che rilasciano per SBDC Records questo EP a titolo "Kry'am Beskar", tradotto dal mandaloriano: "Death Metal". E' un sample tratto dalla saga - a voi scoprire quale - a dare il via a "Cauterized Saber Wound Massacre", massacrante opening track in cui gli Ecryptus mettono subito sul tavolo le proprie carte: il loro è un Death Metal potente quanto tecnico, in cui l'influenza dei "soliti noti" (Morbid Angel, Immolation, Deicide, ecc. ecc.) è giusto la base su cui si muovono i tre ragazzi di Atlanta. Anzi, sovente i Nostri travalicano i confini per giungere nei territori del Brutal Death - vedasi l'imponente incipit di "Compulsion to Disintegrate" -. Sul piano della scrittura e dell'esecuzione non c'è assolutamente nulla da dire: il tutto è ineccepibile, grazie anche ad una produzione sontuosa ed al tasso tecnico decisamente elevato del trio americano. Essendo poi solo quattro tracce per soli 20 minuti, il tutto scorre via velocemente, pur lasciando il segno. Insomma, se siete fans del Death Metal e del Brutal Death americano, oltre che della saga di Star Wars, questo piccolo gioiellino a titolo "Kry'am Beskar" non può non essere vostro, fosse anche solo per il divertimento di trovare i riferimenti.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Per i fans del più classico US Death Metal, il secondo album degli Orthodoxy
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alestorm: meno sperimentazioni e più sostanza
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Invaders: Spanish attack!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kaledon, il settimo capitolo della "Legend of the Forgotten Reign"
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debut album per i Gutvoid: a tratti ripetitivo, ma colpisce la grande tecnica
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Live Burial: adepti della vecchia scuola Death Metal
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un EP piuttosto inutile per la one man band Foul Body Autopsy
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ostinazione a rinnegare la personalità: debutto per gli Stormbound
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blood Of Indigo: non sempre esagerare porta buoni risultati
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Andy Gillion: un disco strumentale dedicato ai videogiochi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Daniele Liverani: un disco (parzialmente) diverso dal solito
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dekta: dalla Spagna con un Metal aggressivo e moderno
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla