A+ A A-
 

Bullet Ride, un esordio che non convince Bullet Ride, un esordio che non convince Hot

Bullet Ride, un esordio che non convince

recensioni

titolo
"At the gates of hell"
etichetta
M.U.S.I.C. Records
Anno

TRACKLIST:
1. World on fire
2. What comes after
3. Point of no return
4. Somewhere else
5. Weather the storm
6. Naked greed
7. Eternity
8. All at sea
9. Dead and back
10. At the gates of hell

LINE-UP:
Emmanuelle Dal Grande – Vocals
Alexandre Duffau – Guitars, backing vocals
Philippe Hernandez – Guitars
Stéphane Laborde – Bass
Thibaut Meunier – Drums

opinioni autore

 
Bullet Ride, un esordio che non convince 2022-01-21 09:15:46 Ninni Cangiano
voto 
 
2.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    21 Gennaio, 2022
Ultimo aggiornamento: 21 Gennaio, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Bullet Ride sono una Metal band francese formatasi nel 2014; nel 2020 registrano il loro debut album “At the gates of hell” che viene rilasciato dalla label francese Music-Records in questi giorni. L’album, dotato di piacevole artwork, è composto da dieci brani per circa 47 minuti di durata totale; il sound è un discreto Heavy Metal con qualche lontano richiamo al Thrash meno arrabbiato. Tutto è incentrato sulla voce della cantante Emmanuelle Dal Grande che mi è sembrata essere anche registrata ad un volume più alto rispetto agli strumenti, in modo da darne maggiore risalto; purtroppo non siamo davanti ad una singer di spessore, dato che è abbastanza anonima, né particolarmente aggressiva (come forse avrebbe dovuto essere, visto il genere suonato), né particolarmente melodica; diventa poi abbastanza ridicola quando usa il growling, il cui uso è anche fastidioso, visto che è spesso fuori contesto nel sound, attraente come una birra lasciata per ore sotto il sole di luglio. Quando, invece, potrebbe anche starci (vedasi “Somewhere else”), il growling viene usato in maniera esagerata, senza contare che la singer pare anche sforzarsi oltre misura. Oltre a questo problema di capitale importanza, il disco ha anche altre cose che non vanno. Evitando di andarsi a cacciare su argomenti triti e ritriti come scarsa originalità o assenza totale di innovazione, preferisco concentrarmi sugli strumenti. Il rullante della batteria non convince per come è registrato, troppo secco, in stile “fustino del detersivo”; le due chitarre, seppur ottime nei riff, non esaltano particolarmente nelle parti soliste (manca insomma l’assolo che attira l’attenzione); il basso, infine, si limita troppo al compito di accompagnamento e non è praticamente mai protagonista, come invece dovrebbe. Ci sono insomma diverse cose che non permettono a questo disco di decollare e su cui il gruppo francese dovrà lavorare in futuro. Ma ci sono lati positivi? Sicuramente l’energia è molta, la passione verso certe sonorità è evidente e merita ogni rispetto; probabilmente con una cantante differente (magari anche con una buona voce maschile) le possibilità di arrivare ad un qualcosa di più convincente sarebbero maggiori. Questo “At the gates of hell”, debut album dei Bullet Ride, è purtroppo lontano dalla sufficienza e c’è davvero bisogno di migliorare parecchio affinché il gruppo francese possa avere qualche possibilità di emergere dall’underground più profondo.

Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Steelbourne, un debut album con i controfiocchi!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Becero, sporco, primitivo: si può riassumere così il primo EP dei Clairvoyance
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Seconda funerea e claustrofobica release per gli Assumption
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Album semplicemente perfetto: il debutto dei californiani The Dark Alamorté
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gran debutto nel panorama Brutal Death per gli statunitensi Texas Murder Crew
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Una produzione pessima condanna il debutto degli Ethereal Realm
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
EP troppo breve quello degli Oratory per poter dare un giudizio completo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I canadesi Miscreation si presentano con un buon demo di tre pezzi
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Archie Caine deve scegliere quale strada seguire
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Poca originalità ma tanta tecnica nel debut EP degli Harvested
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Böllverk, troppo eterogenei
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla