A+ A A-
 

XIL, un disco che non avrebbe convinto nemmeno 35 anni fa XIL, un disco che non avrebbe convinto nemmeno 35 anni fa Hot

XIL, un disco che non avrebbe convinto nemmeno 35 anni fa

recensioni

gruppo
titolo
"Rip & tear"
etichetta
Autoproduzione
Anno

TRACKLIST:
1. Rip & tear
2. Speedemons
3. Learn to bleed
4. Breakneck
5. Motorcharge
6. Gone again
7. Moonlight mass
8. Equinox

LINE-UP:
Jordan L. Hoffart: Drums, keys
Austin James: Bass, vocals
'Big Joe' Aguilar: Guitars, backing vocals

opinioni autore

 
XIL, un disco che non avrebbe convinto nemmeno 35 anni fa 2022-02-25 09:26:18 Ninni Cangiano
voto 
 
1.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    25 Febbraio, 2022
Ultimo aggiornamento: 25 Febbraio, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una delle copertine più brutte viste negli ultimi anni ci introduce a “Rip & tear”, debut album dei texani XIL, gruppo attivo dal 2013, ma con un solo EP e qualche singolo pubblicato finora. E se la copertina lasciava presagire qualcosa di old style, la conferma l’abbiamo già con le prime note della title-track, posta in apertura di questo disco, composto da otto tracce per oltre 46 minuti di durata totale; il sound del gruppo texano, infatti, è uno Speed/Thrash come andava di moda circa 35 anni addietro. I richiami a bands come Exciter, Agent Steel & C. sono abbastanza evidenti, quindi inutile cercare qui innovazione oppure originalità, perché sono vocaboli sconosciuti agli XIL; loro suonano così perché sono appassionati di questo specifico genere musicale e già solo per questo motivo meritano rispetto. Purtroppo però ci sono diverse cose che non vanno. La produzione è fin troppo “vintage” e l’impasto sonoro che viene creato sostanzialmente non permette di apprezzare degnamente il lavoro dei vari strumenti, soprattutto del basso di Austin James. Lo stesso James si occupa anche di “cantare”, ma la sua ugola è decisamente limitata ed il vocalist risulta quindi non soddisfacente sia in espressività, che in estensione vocale; nemmeno quando cerca di passare allo screaming risulta efficace; sembra insomma di ascoltare un vecchio cantante sfiatato di un gruppo Punk degli anni ‘70/’80, genere in cui non si andava troppo per il sottile con le capacità canore. Il songwriting poi non aiuta a sollevare le sorti di questo lavoro, dato che molti pezzi hanno durate esagerate e sembrano non finire mai (“Moonlight mass”, ad esempio, appare infinita nei suoi 10 minuti e passa!), risultando prolissi ed inefficaci; se poi si aggiunge che sostanzialmente ogni canzone è molto simile all’altra in quanto a struttura (la ricetta è sempre uguale: batteria lanciata ad alta velocità e riff di chitarra taglienti come lame affilate), capirete perché i vari ascolti dati a questo disco non sono stati per nulla esaltanti. Cosa c’è da salvare allora? Poco, molto poco, giusto qualche passaggio di chitarra, soprattutto a livello di muri di riff, e davvero null’altro. Sono un fan dello Speed Metal da sempre, sin dalla mia gioventù negli anni ’80, ma già allora un disco come questo “Rip & tear” non mi avrebbe convinto, né entusiasmato, figurarsi nel 2022… Mi dispiace, ma gli XIL hanno ancora parecchie cose da migliorare per poter anche solo sperare di uscire dal più profondo underground.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Anvil: nonostante un po' di ruggine, l'incudine resiste.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Echelon, un debutto molto promettente
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mezz'ora di sano Death Metal old school con gli statunitensi Obscene
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lugubre, pesante, oppressivo: solita buona release per i Mournful Congregation
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo quattro anni tornano a farsi vivi i Circle of Silence
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Una produzione pessima condanna il debutto degli Ethereal Realm
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
EP troppo breve quello degli Oratory per poter dare un giudizio completo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I canadesi Miscreation si presentano con un buon demo di tre pezzi
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Archie Caine deve scegliere quale strada seguire
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Poca originalità ma tanta tecnica nel debut EP degli Harvested
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Böllverk, troppo eterogenei
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla