A+ A A-
 

Debut album per i Necrom ed il loro Death Metal roccioso Debut album per i Necrom ed il loro Death Metal roccioso Hot

Debut album per i Necrom ed il loro Death Metal roccioso

recensioni

gruppo
titolo
All Paths Are Left Here...
etichetta
Osmose Productions
Anno

PROVENIENZA: Ucraina 

GENERE: Death Metal 

FFO: Asphyx, Carnage, Entombed, Grave, Dismember 

LINE UP: 
Ancient Starlit Tombs and Raging Ghoulish Hordes - vocals, bass 
Visions at Radiant Galactic Gates of Torturous Harmonies - guitars 
Apocalyptic Riders’ Trumpets Hailing Undead Resurrection - guitars 
Leviathan’s Eternal Vessel - drums 

TRACKLIST: 
1. Dagon [06:15] 
2. Fathers Will feast [04:24] 
3. Food for Worms [03:28] 
4. The City the old Ones Built [04:14] 
5. The Oldest Horror [04:14] =ASCOLTA= 
6. Walls Have Hands [05:28] 
7. The Light Has Never Been Here [04:00] 
8. Templars Are Coming [04:58] 
9. Tomahawk of Bone [03:06] 
10. The Woods of Weird West [04:48] 

Running time: 44:55 

opinioni autore

 
Debut album per i Necrom ed il loro Death Metal roccioso 2022-03-26 19:03:39 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    26 Marzo, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Primo full-length per gli ucraini Necrom, quartetto proveniente da Kharkiv che sotto l'egida di Osmose Productions rilascia questo "All Paths Are left Here...", album che giunge a tre anni circa di distanza dal debut EP indipendente "The Light Has Never Been Here", da cui sono stati ripresi tre brani ("The Light Has Never Been Here", "Food for Worms" e "The Oldest Horror"). Cominciamo col dire che seppur affacciatisi solamente tre anni fa, i Necrom non sono propriamente una band di primo pelo, essendo formati da veterani della scena estrema est europea: un nome su tutti può essere quello del chitarrista Visions at Radiant Galactic Gates of Torturous Harmonies (sì, il nome è proprio questo), a.k.a. Knjaz Varggoth dei Nokturnal Mortum. Le dieci tracce che compongono l'opera hanno come comune denominatore le tematiche, incentrare sulla letteratura e la cinematografia Horror, in primis - come possiamo intuire dai titoli dei singoli brani - H.P. Lovecraft; sul piano musicale i Necrom subiscono fortemente l'influenza della vecchia scuola svedese: riffoni granitici "sporchi" di pedale HM-2 posato a livello "terremoto", ritmiche serrate ed un vocione greve e ruvido come cartavetrata: non chissà quale novità dunque, ma è innegabile come i 3/4 d'ora di questo disco per un amante del Death Metal scorrano via molto piacevolmente. La sezione ritmica pulsa viva ed il lavoro alle chitarre di Visions at Radiant Galactic Gates of Torturous Harmonies e Apocalyptic Riders' Trumpets Hailing Undead Resurrection (se ve lo state chiedendo, sì ho fatto copia/incolla) è un'incessante colata lavica. L'opera prima dei Necrom è un lavoro votato alla distruzione totale, musicalmente parlando: la tracklist è formata da dieci pezzi granitici che non lasciano un attimo di respiro, e pezzi come "Food for Worms", "Tomahawk of Bone", "The Oldest Horror" e "Walls Have Hands" sapranno strapparvi sicuramente più di un sorriso compiaciuto (la prima di queste soprattutto).

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I Conjurer dimostrano una crescita stilistica esponenziale
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hydrogyn: una ripartenza con qualche dubbio.
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arrivano dal Giappone i probabili nuovi sovrani della scena Goregrind: i Pharmacist
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Holy Dragons, il ventesimo album non va oltre la sufficienza
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Immortal Sÿnn, ancora troppa carne al fuoco
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Rotted Through ed il loro malatissimo concept album di debutto ispirato al Dark Web
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bentornata, Sarah Jezebel Deva!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il troppo stroppia: nuovo album per i Lost Tribes Of The Moon
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i Tomb Mold un nuovo demo breve quanto affascinante
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole gemme sinfoniche: debutto per i Carmeria!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla