A+ A A-
 

Gli Astral Tomb debuttano con uno dei lavori piu alienanti di sempre Gli Astral Tomb debuttano con uno dei lavori piu alienanti di sempre Hot

Gli Astral Tomb debuttano con uno dei lavori piu alienanti di sempre

recensioni

titolo
Soulgazer
etichetta
Blood Harvest
Anno

PROVENIENZA: USA 

GENERE: Death Metal 

FFO: Blood Incantation, Spectral Voice, Timeghoul, Demilich, Chthe'ilist 

LINE UP: 
Michael Schrock - vocals, guitars 
Adrian McClair - guitars 
Zach Johnson - drums 

TRACKLIST: 
1. Transcendental Visions [12:55] 
2. Be Here Now... [04:28] 
3. Inertia (Crashing Through the Doorways of Eternity) [08:02] 
4. Traversing the Wandering Star [05:22] =ASCOLTA= 
5. Ascending a Pillar of Light [06:10] 

Running time: 36:57 

opinioni autore

 
Gli Astral Tomb debuttano con uno dei lavori piu alienanti di sempre 2022-03-26 20:31:31 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    26 Marzo, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ad un anno dall'EP "Degradation of Human Consciousness" è tempo di primo full-length per gli statunitensi Astral Tomb, trio proveniente da Denver, Colorado, che rilascia per Blood Harvest questo "Soulgazer"; è una band per certi versi strana quella qui in esame: gli Astral Tomb infatti uniscono un certo "mood paludoso" e pesantemente doomy (Spectral Voice, Krypts) a nemmeno troppo velati avanguardismi "spaziali" (Blood Incantation, Timeghoul, Morbus Chron), in un vortice sonoro che ha bisogno di diversi ascolti per potersi meglio addentrare nelle spirali di queste sonorità. Come dimostra la lunga opening track "Transcendental Visions", gli Astral Tomb riescono al tempo stesso a dare un approccio pesante e lisergico, ma anche a mettere in campo una voglia per nulla nascosta di sperimentare e lanciarsi in passaggi articolati ed estremamente complicati - prendete ad esempio la folle parte centrale del brano -, con il tutto che si riduce appunto in una certa difficoltà d'ascolto a primo acchito. E le cose non si semplificano nel restante minutaggio di "Soulgazer", con questo costante mix di chitarroni pachidermici e velleità Avant-garde, con stranianti melodie e solo psicotici. Lungo i 35 e passa minuti dell'opera prima degli Astral Tomb si ha come la sensazione che gruppi come Spectral Voice e Mortiferum abbiano "divorato" ed inglobato in sé Morbus Chron, Bedsore o Sweven. Insomma, in qualsiasi modo la giriamo, possiamo semplificare semplicemente con: ascoltare "Soulgazer" è estremamente complicato. Il debutto degli Astral Tomb necessita per forza di una certa predisposizione mentale e non sarà mai uno di quei lavori da ascoltare distrattamente; manca al trio di Denver, in questo momento, la fluidità e l'estro che possono avere i Blood Incantation, ma la strada sembra ben tracciata: nel bene o nel male, in futuro sentiremo parlare ancora di loro.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Primo soddisfacente full-length per i francesi Dawohl
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai Rotting Empire un secondo album espressamente per i fans degli Amon Amarth
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mega Colossus: metallo tecnico e di buona fattura.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Tyrants of Chaos, classico Heavy Metal dall'Alberta
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fraser Edwards, questa volta non ci siamo
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Helios, nuova band con Tim Aymar
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Phoebus The Knight, un progetto che stenta a decollare
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Destral, una vera gemma dalla Spagna
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla