A+ A A-
 

Debutto assoluto per i Decrapted di Dave Rotten e Vicente Payá Debutto assoluto per i Decrapted di Dave Rotten e Vicente Payá Hot

Debutto assoluto per i Decrapted di Dave Rotten e Vicente Payá

recensioni

gruppo
titolo
Bloody Rivers of Death
etichetta
Xtreem Music
Anno

PROVENIENZA: Spagna 

GENERE: Death Metal 

FFO: Cannibal Corpse, Dying Fetus, Monstrosity, Obituary, Bloodbath 

LINE UP: 
Dave Rotten - vocals 
Vicente Payá - guitars, bass 
Miguel Ángel Riutort - drums (session)

TRACKLIST: 
1. Bleeding Devourment [04:35] =ASCOLTA= 
2. Forced Human Flesh [04:21] =ASCOLTA= 
3. Cook on the Stake [04:07] 
4. Headless Haunting [03:36] 
5. As the Horror Comes [03:34] 
6. Bloody Cave [04:31] 
7. The Ravenous [03:59] 
8. Meat Truck [04:49] 

Running time: 33:32 

opinioni autore

 
Debutto assoluto per i Decrapted di Dave Rotten e Vicente Payá 2022-04-05 14:49:24 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    05 Aprile, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Bloody Rivers of Death" è il debutto assoluto per i Decrapted, band messa su da Dave Rotten (Avulsed, Putrevore, Famishgod) e Vicente Payá (Golgotha, ex-Holycide), che dopo aver collaborato in passato in diverse occasioni decidono di fondare un nuovo progetto. Aiutati dall'amico Rogga Johansson (che ha scritto i testi presenti nell'album) e da Miguel Ángel Riutort (che suona la batteria in qualità di session), i Decrapted si presentano con un concentrato di Death metal old school in cui possiamo trovare elementi che rimandano alla violenza dei Cannibal Corpse, al brutale groove dei Dying Fetus ed al Death Metal classico (che più non si può) degli Obituary, complice anche la prova vocale di mr. Rotten che passa dal suo solito growl (iper)cavernoso ad uno scream in stile John Tardy, con il comparto strumentale che si muove all'unisono con le partiture vocali imposte dal colosso di Madrid. Va da sé, in "Bloody Rivers of Death" non troverete nemmeno il benché mino accenno a qualcosa di innovativo: solo due artisti/amici che si muovono sul loro terreno più congeniale passando dal Brutal/Grind al Death floridiano per una mezz'oretta di buona musica che si fonda su un lotto di brani ben scritti, ottimamente eseguiti e, soprattutto, funzionali. L'opera prima dei Decrpated è insomma consigliata a chi è alla costante ricerca di un buon Death Metal che non abbia troppe pretese; ed in questo "Bloody Rivers of Death" è un disco perfettamente riuscito.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Primo soddisfacente full-length per i francesi Dawohl
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai Rotting Empire un secondo album espressamente per i fans degli Amon Amarth
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mega Colossus: metallo tecnico e di buona fattura.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Tyrants of Chaos, classico Heavy Metal dall'Alberta
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fraser Edwards, questa volta non ci siamo
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Helios, nuova band con Tim Aymar
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Phoebus The Knight, un progetto che stenta a decollare
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Destral, una vera gemma dalla Spagna
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla