A+ A A-
 

Tra i truci sacrifici delle popolazioni mesoamericane con il debutto degli Tzompantli Tra i truci sacrifici delle popolazioni mesoamericane con il debutto degli Tzompantli Hot

Tra i truci sacrifici delle popolazioni mesoamericane con il debutto degli Tzompantli

recensioni

titolo
Tlazcaltiliztli
etichetta
20 Buck Spin
Anno

PROVENIENZA: USA 

GENERE: Death/Doom Metal 

FFO: Disembowelment, Spectral Voice, Morbid Angel, Rippikoulu, Krypts 

LINE UP: 
Huey Itztekwanotl o))) - vocals, guitars 
G-Bone - bass 
Erol Ulug - drums 

TRACKLIST: 
1. Yaohuehuetl [01:18] 
2. Tlatzintilli [04:33] =ASCOLTA= 
3. Tlazcaltiliztli [04:29] 
4. Eltequi [04:41] 
5. Ohtlatocopailcahualuztli [04:17] =ASCOLTA= 
6. Tlamanalli [05:52] 
7. Yaotiacahuanetzli [07:37] 

Running time: 32:47 

opinioni autore

 
Tra i truci sacrifici delle popolazioni mesoamericane con il debutto degli Tzompantli 2022-05-07 13:41:26 Daniele Ogre
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    07 Mag, 2022
Ultimo aggiornamento: 07 Mag, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tzompantli è un progetto nato nel 2019 dalla mente di Huey Itztekwanotl o))) [a.k.a. Bigg o)))], al secolo Brian Ortiz, chitarrista e mastermind degli Xibalba, band di punta della scena Death Metal/Hardcore non solo statunitense; con questa sua nuova creatura in cui si occupa di voce e chitarre - divenuta una band vera e propria con l'aggiunta del bassista G-Bone e del batterista Erol Ulug - Bigg o))) dà definitivamente sfogo a due sue passioni, che solo qualche volta hanno incrociato la strada degli Xibalba, a cominciare storia mesoamericana (o precolombiana), fulcro unico delle tematiche affrontate dagli Tzompantli sin dal moniker scelto: e qui viene in aiuto Wikipedia da cui citiamo "Uno tzompantli è un tipo di intelaiatura in legno documentata in diverse culture mesoamericane, che veniva usata per l'esposizione pubblica di teschi umani, normalmente quelli di prigionieri di guerra o di vittime sacrificali". Ma anche sul piano musicale, mentre gli Xibalba solo negli ultimi tempi hanno implementato il loro Death/Hardcore con forti componenti Death/Doom, qui mr. Ortiz si lascia andare del tutto alle pesanti e plumbee sonorità proprie di gente come Disembowelment, Winter e Spectral Voice, così come vecchie realtà finniche come Rippikoulu e Krypts. ed ovviamente, i Morbid Angel di "Formulas Fatal to Flesh" e "Gateways to Annihilation". Il risultato è un album deflagrante, in cui una produzione sporca il giusto ed estremamente potente mette in risalto l'operato del trio californiano, con riff duri quanto la pietra con cui sono costruite le piramidi azteche e maya ed una sezione ritmica terremotante fanno da inaccessibile muraglia sonora alle profonde growlin' vocals di Bigg o))) - che per inciso, se la cava egregiamente in qualità di cantante -. Ciliegina sulla torta sono le sonorità folk/tribali che trovano spazio nella tracklist, come nella splendida "Eltequi", momento di inquietante requie in mezzo a bordate come "Tlatzintilli", la title-track e "Ohtlatocopailcahualuztli", brano che parte con una violenza smodata per concludersi con lentissimi pattern quasi Funeral Doom. Sinceramente, dopo l'ascolto di un album Death/Doom così semplicemente grandioso, la speranza è che Ortiz trovi spazio tra gli impegni degli Xibalba per poter lavorare anche al progetto Tzompantli; d'altra parte se questo debut album è uscito sotto l'egida di 20 Buck Spin - label che si sta dimostrando una garanzia in questo campo quasi quanto la mitica Profound Lore Records -, qualcosa vorrà pur dire. Per gli amanti di queste sonorità, "Tlazcaltiliztli" è un 'must have', punto.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Sacred Oath: nel segno del Drago
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Convince 50/50 il dodicesimo album dei Paganizer
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano subito alla carica i Perdition Temple con il loro spietato Black/Death
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sempre fedelissimi ai Decapitated gli svedesi Soreption in questo quarto album
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sempre in fermento il sottobosco estremo danese: debut album per i Chaotian
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I Rotted Through ed il loro malatissimo concept album di debutto ispirato al Dark Web
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bentornata, Sarah Jezebel Deva!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il troppo stroppia: nuovo album per i Lost Tribes Of The Moon
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i Tomb Mold un nuovo demo breve quanto affascinante
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole gemme sinfoniche: debutto per i Carmeria!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cobra Spell: nuovo EP che segue le sonorità più classiche
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla