A+ A A-
 

Evergrey: la band scandinava ha ormai raggiunto un livello compositivo ed esecutivo di altissimo livello Evergrey: la band scandinava ha ormai raggiunto un livello compositivo ed esecutivo di altissimo livello Hot

Evergrey: la band scandinava ha ormai raggiunto un livello compositivo ed esecutivo di altissimo livello

recensioni

gruppo
titolo
A Heartless Portrait (The Orphean Testament)
etichetta
Napalm Records
Anno

TRACKLIST:
1. Save Us
2. Midwinter Calls
3. Ominous
4. Call Out the Dark
5. The Orphean Testament
6. Reawakening
7. The Great Unwashed
8. Heartless
9. Blindfolded
10.Wildfires

LINE UP:
Tom S. Englund - vocals, guitars
Henrik Danhage - guitars
Rikard Zander - keyboards
Jonas Ekdahl - drums
Johan Niemann - bass

opinioni autore

 
Evergrey: la band scandinava ha ormai raggiunto un livello compositivo ed esecutivo di altissimo livello 2022-05-24 12:52:51 Celestial Dream
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Celestial Dream    24 Mag, 2022
Ultimo aggiornamento: 24 Mag, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Uscire con una nuova release a solamente dodici mesi di distanza dalla precedente, il bellissimo “Escape of the Phoenix”, potrebbe sembrare una forzatura. Ma la dark Heavy/Prog Metal band svedese che risponde al nome di Evergrey non è certo una realtà ordinaria e con le composizioni presentate in questo nuovo “A Heartless Portrait (The Orphean Testament)” prova ad esplorare nuovi orizzonti sonori anche se pur sempre molto legati al proprio sound. Lo fa enfatizzando ulteriormente le componenti malinconiche ed epiche, con una produzione maggiormente cupa e brani a tratti ancor più introversi rispetto al passato.
Tutto questo si fa sentire soprattutto in partenza; “Save Us” è un pezzo evocativo avvolto da tastiere che circondano riff decisi e voci che si sovrappongono. La successiva “Midwinter Calls” conquista con cori possenti che non lasciano scampo. La più tradizionale “Ominous” gioca con disinvoltura tra atmosfere tetre e melodie eleganti e ricercate, mentre riff possenti e incisivi accompagnano la tenebrosa “Call Out the Dark”, che si incendia con i raffinati assoli di chitarra – opera di Tom S. Englund e Henrik Danhage – durante il break centrale. La potente title-track si dilunga per oltre sei minuti tra riffoni pesanti e assoli di tastiere che lasciano presto spazio ad un ritornello efficace. Nel finale si incontrano prima le note esplosive di “Blindfolded” a seguire la voce profonda di Tom che regala emozioni forti esprimendosi nella dark ballad “Wildfires”.
Gli Evergrey giocano attraverso schemi già ben oleati inserendo solamente qualche piccolo nuovo elemento. Ma la band scandinava ha ormai raggiunto un livello compositivo ed esecutivo di altissimo livello e questo tredicesimo album in studio si conferma tra le uscite discografiche più interessanti del momento.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Quando si tratta di Metal melodico, con i Dynazty si va sul sicuro!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voce poco convincente e musica piuttosto standard in questo EP di debutto dei Sexmag
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pochi fronzoli e vecchia scuola nel debutto del duo norvegese Phantom Fire
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli amanti del Death/Black senza fronzoli, il debutto degli Altars Ablaze
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sublime, poetica e disperata: la quarta meravigliosa opera degli austriaci Ellende
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Graceless confermano le ottime impressioni dei passati lavori
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un EP piuttosto inutile per la one man band Foul Body Autopsy
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ostinazione a rinnegare la personalità: debutto per gli Stormbound
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blood Of Indigo: non sempre esagerare porta buoni risultati
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Andy Gillion: un disco strumentale dedicato ai videogiochi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Daniele Liverani: un disco (parzialmente) diverso dal solito
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dekta: dalla Spagna con un Metal aggressivo e moderno
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla