A+ A A-
 

La solita furia cieca e le atmosfere sacrileghe: dodicesimo sigillo nero per i Belphegor La solita furia cieca e le atmosfere sacrileghe: dodicesimo sigillo nero per i Belphegor Hot

La solita furia cieca e le atmosfere sacrileghe: dodicesimo sigillo nero per i Belphegor

recensioni

gruppo
titolo
The Devils
etichetta
Nuclear Blast Records
Anno

PROVENIENZA: Austria 

GENERE: Black/Death Metal 

LINE UP: 
Helmuth - vocals, guitars 
Serpenth - bass 
David Diepold - drums (session) 

TRACKLIST: 
1. The Devils [05:29] 
2. Totentanz - Dance Macabre [03:40] =ASCOLTA= 
3. Glorifizierung des Teufels [04:58] 
4. Damnation - Höllensturz [05:21] 
5. Virtus Asinaria - Prayer [05:18] =VIDEO= 
6. Kingdom Of Cold Flesh [03:16] 
7. Ritus Incendium Diabolus [05:30] 
8. Creature Of Fire [02:47] 
9. Blackest Sabbath 1997 * [06:07] =ASCOLTA= 
*re-recorded medley of 'Blackest Ecstasy' and 'Blutsabbath' from 1997's "Blutsabbath" album 

opinioni autore

 
La solita furia cieca e le atmosfere sacrileghe: dodicesimo sigillo nero per i Belphegor 2022-07-30 15:54:29 Daniele Ogre
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    30 Luglio, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Con un mese di ritardo rispetto alla prima release date annunciata - a causa di problemi nella manifattura delle versioni LP - ecco finalmente arrivare sotto la sempre potente ala di Nuclear Blast Records il dodicesimo album della principale Extreme Metal band austriaca - e tra le principali in assoluto -: "The Devils", nuova mattanza sonora ad opera dei macellai di Salisburgo Belphegor, composta da otto inediti ed un interessante medley conclusivo intitolato "Blackest Sabbath 1997" (che comprende i pezzi "Blackest Ecstasy" e "Blutsabbath", dall'omonimo album del 1997) e che si presenta con quella che ad oggi è probabilmente la copertina più bella nella lunghissima carriera del combo austriaco, opera di Seth Siro Anton dei SepticFlesh. Sul piano musicale è esattamente quello che ci si aspetterebbe dai Belphegor, ossia un bagno di sangue in salsa Black/Death, feroce, spietato, ma anche ricco di atmosfere sacrileghe - immancabili ad esempio i cori da oscura litania, vedasi il singolo "Virtus Asinaria - Prayer" o "Glorifizierung des Teufels" -. Ma se da un lato, come detto, "The Devils" è esattamente quello che ci si aspetterebbe da Helmuth e Serpenth, dall'altro si può notare come il dodicesimo sigillo della band austriaca sia al contempo uno dei lavori più oscuri dei Nostri, ma anche quello dai toni più epici e sinfonici nella loro trentennale carriera, cosa che invece di "sviare l'attenzione" riesce a rendere l'operato dei Belphegor probabilmente ancor più maligno che in precedenza. Si potrebbe anche imputare ai Belphegor di essere decisamente poco vari in quanto a soluzioni stilistiche ed arrangiamento dei brani ("Damnation - Höllensturz" potrà facilmente sembrarvi un pezzo di un qualche album del recente passato, ad esempio), ma non si può negare che la lunghissima esperienza acquisita dai due "sacerdoti neri" austriaci fa sì che i Nostri riescano a mantenere decisamente alto il tasso qualitativo generale delle loro composizioni. In tal senso, i Belphegor rispetto ad altri colleghi non hanno cercato mai in tutti questi anni - né tanto meno ora - di trovare una via più a suo modo orecchiabile e, soprattutto, commerciabile: agli occhi dei tanti fans questo non può che essere un pregio e se i risultati sono quelli che ascoltiamo in "The Devils" - che per la cronaca è un album più incisivo rispetto al precedente "Totenritual" - non possiamo che esserne assolutamente d'accordo.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Primo soddisfacente full-length per i francesi Dawohl
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai Rotting Empire un secondo album espressamente per i fans degli Amon Amarth
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mega Colossus: metallo tecnico e di buona fattura.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Tyrants of Chaos, classico Heavy Metal dall'Alberta
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fraser Edwards, questa volta non ci siamo
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Helios, nuova band con Tim Aymar
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Phoebus The Knight, un progetto che stenta a decollare
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Destral, una vera gemma dalla Spagna
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla