A+ A A-
 

Evil: moniker vecchio e formazione rinnovata, per un disco di valore. Evil: moniker vecchio e formazione rinnovata, per un disco di valore. Hot

Evil: moniker vecchio e formazione rinnovata, per un disco di valore.

recensioni

gruppo
titolo
“Book Of Evil”
etichetta
From The Vaults
Anno

LINE UP:
Freddie Wolf - guitars
Martin Steene – vocals
Henrik Molin - drums
Jakob Haugaard - bass
Nikolaj Ihlemann – guitars

TRACKLIST:
1. Intro (A Terrible Thing)
2. Divine Conspiracy
3. Evil Never Dies
4. Future Denied
5. The Raven Throne
6. King Of The Undead
7. Beyond Mind Control
8. Sanctuary
9. Storm Warning
10. Evil’s Message
11. Book Of Evil

opinioni autore

 
Evil: moniker vecchio e formazione rinnovata, per un disco di valore. 2022-08-05 10:03:49 Corrado Franceschini
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Corrado Franceschini    05 Agosto, 2022
Ultimo aggiornamento: 05 Agosto, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

A volte ci sono degli avvenimenti che contribuiscono a “lanciare” una nazione nel firmamento musicale e agevolano il successo, spesso a mo di meteora, di una band. Se non ci fossero stati i danesi Mercyful Fate, nati nel 1981 e autori dell’EP omonimo del 1982 edito dalla Rave–On Records, probabilmente non avremmo sentito parlare dei connazionali Evil. Gli Evil, formatisi nel 1982 sotto il nome di Never Mind nascono ufficialmente nel 1983 e sfornano l’EP “Evil’s Message” per la Rave-On Records nel 1984 raggiungendo un effimero successo anche in Italia. Il mini era di buona fattura e il gruppo dimostrava di avere le idee chiare tanto che, in un’intervista rilasciata al magazine Metal Forces nel 1985, il cantante Freddie Wolf si smarcava dal satanismo di band coeve come Venom e gli stessi Mercyful Fate dicendo che Evil era semplicemente il nome della ragazza sulla copertina del disco e che nell’aprile sarebbe uscito un nuovo lavoro. Dopo quell’intervista il gruppo si sciolse. Nel 2015 Freddie Wolf riprese in mano il progetto e fece uscire “Shoot The Messenger”, poi degli Evil si sono perse le tracce fino al 2022 quando, con una line up nuova di zecca capitanata sempre da Wolf, è uscito “Book Of Evil”. Con l’apporto di personaggi navigati quali il cantante Martin Steene e il bassista Jakob Haugaard, entrambi negli Iron Fire, e con il mixaggio e la coproduzione di Tue Madsen (Meshuggah, Artillery etc) Wolf è riuscito a dare alle stampe un album interessante che, grazie a una variegata scelta di generi di Metal toccati, può piacere a varie tipologie di ascoltatori. Gli Evil sono in grado di coniugare Heavy Metal di stampo oscuro, epico e melodico in canzoni come “Divine Conspiracy” ma, al contempo, sono capaci di riprendere temi cari ai Metallica più grezzi (“Future Denied”) o di richiamare alla mente gli Slayer di “South Of Heaven” (“Kings Of The Undead”). Se state pensando che “Book Of Evil” è un disco “clone” e non vi serve, vi sbagliate. Tutti abbiamo ascoltato e apprezziamo i classici del nostro genere; ma gli Evil hanno la capacità di sorprendere l’ascoltatore variando il ritmo all’interno dei pezzi. Heavy massiccio e cadenza si alternano con fasi veloci in “Beyond Mind Control”. Toni cadenzati enfatici si alternano con velocità e aperture in “Sanctuary”. Se volete riscoprire il passato ascoltate l’ottima versione di “Evil’s Message”, prima traccia del mini d’esordio, suonata dalla formazione attuale. Pensate quanto erano avanti i danesi nel 1984. Nei 7:24 di durata del pezzo è possibile notare sia le basi musicali dell’epoca, che i ritmi che ascoltiamo tutt’ora. E’ vero: c’erano già gruppi veloci come Metallica e Venom, ma l’alternare i tempi non era nella mente o alla portata di tutti. Se devo puntare il dito contro un brano che non mi ha particolarmente soddisfatto indico “Storm Warning”. Una voce non appropriata e una produzione non ottimale ne inficiano il valore. “Book Of Evil” mi è piaciuto e ve lo consiglio. Per i collezionisti segnalo che ne esistono anche delle versioni limitate a 300 copie ognuna in vinile crystal e golden.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Primo soddisfacente full-length per i francesi Dawohl
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dai Rotting Empire un secondo album espressamente per i fans degli Amon Amarth
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mega Colossus: metallo tecnico e di buona fattura.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Tyrants of Chaos, classico Heavy Metal dall'Alberta
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fraser Edwards, questa volta non ci siamo
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Helios, nuova band con Tim Aymar
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Phoebus The Knight, un progetto che stenta a decollare
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Destral, una vera gemma dalla Spagna
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla