A+ A A-
 

Troppo anonimo e ispirato ai The Black Dahlia Murder questo terzo album dei Prosper Or Perish Troppo anonimo e ispirato ai The Black Dahlia Murder questo terzo album dei Prosper Or Perish Hot

Troppo anonimo e ispirato ai The Black Dahlia Murder questo terzo album dei Prosper Or Perish

recensioni

titolo
Shroud of Serpents
etichetta
Autoproduzione
Anno

PROVENIENZA: USA

GENERE: Melodic Death Metal

TRACKLIST:
1. Ironborn
2. Wolves and Snakes
3. Goliath, Come Forth
4. Parallel Reveries
5. Fit for Vultures
6. Nothing Above, Nothing Below
7. Death Bares a Familiar Face
8. An Offering
9. Solace and Surrender
10. Gone to Waste

LINE-UP
Armen Koroghlian - Drums
Eric Benites - Guitars
Steve Stanley - Vocals
Austin Perez - Guitars
Chrissy Z. Duffin - Bass

opinioni autore

 
Troppo anonimo e ispirato ai The Black Dahlia Murder questo terzo album dei Prosper Or Perish 2022-08-09 17:02:25 Luigi Macera Mascitelli
voto 
 
2.5
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    09 Agosto, 2022
Ultimo aggiornamento: 09 Agosto, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quello che ci troviamo ad affrontare è il classico caso di una band che stilisticamente, strumentalmente e, in generale, musicalmente funziona, ma che ad un orecchio più attento risulta essere, purtroppo, fin troppo ispirata ad altre realtà: stiamo parlando degli statunitensi Prosper Or Perish e della loro terza creatura autoprodotta "Shroud of Serpents". Ora, è doveroso fare una premessa: il Melodic Death statunitense può tranquillamente essere definito come la seconda scuola del genere dopo quella svedese. Grazie a band come The Black Dahlia Murder, Inferi, Arsis, Allegaeon e compagnia bella, quel determinato modo di suonare ha acquisito un'identità tutta sua inglobando elementi via via più tecnici e ricercati. Viene da sé, dunque, che le band americane che si cimentano in questo genere tendano a seguire quei canoni. Tuttavia, questo è il caso in cui il ragionamento non funziona, semplicemente perché tutto il disco e, in generale, lo stile musicale dei Prosper Or Perish è fin troppo uguale a quello dei TBDM, compresa la voce di Steve Stanley pressoché identica a quella del compianto Trevor. Ora, che si tratti di un album tecnicamente ineccepibile è fuori discussione: i Nostri dimostrano certamente enormi capacità compositive o, per meglio dire, di saper imitare alla perfezione i TBDM. Se il sottoscritto non conoscesse la band direbbe tranquillamente che questo "Shroud of Serpents" sia un album di Trevor e soci di metà carriera. Da qui ci sentiamo di non promuovere il disco che, lo ripetiamo, musicalmente è perfetto, ma non ha il minimo di personalità per poter essere definito un lavoro dei Prosper. Piuttosto lo riteniamo, per essere buoni, un omaggio riuscitissimo a uno dei grandi nomi del Melodic Death statunitense. Il consiglio è dunque quello di prendere certamente ispirazione dai maestri ma di elaborare poi uno stile più personale considerando anche la propensione all'eterogeneità di questo genere. In bocca al lupo ragazzi!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Fans del Power Metal scandinavo, segnatevi il nome degli Evermore!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dark Forest, un EP per i fans degli Elvenking
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arriva anche sul mercato europeo il discreto EP dei Phantasmagore
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il nuovo Zornheym è molto più che un momentaneo sonno della ragione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sufficiente la prima prova su lunga distanza dei Last Retch
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Orgg: in "Dimonios" il grido dei caduti dimenticati!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un EP piuttosto inutile per la one man band Foul Body Autopsy
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ostinazione a rinnegare la personalità: debutto per gli Stormbound
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blood Of Indigo: non sempre esagerare porta buoni risultati
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Andy Gillion: un disco strumentale dedicato ai videogiochi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Daniele Liverani: un disco (parzialmente) diverso dal solito
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dekta: dalla Spagna con un Metal aggressivo e moderno
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla