A+ A A-
 

Il nuovo Zornheym è molto più che un momentaneo sonno della ragione Il nuovo Zornheym è molto più che un momentaneo sonno della ragione Hot

Il nuovo Zornheym è molto più che un momentaneo sonno della ragione

recensioni

gruppo
titolo
The Zornheim Sleep Experiment
etichetta
Noble Demon
Anno

TRACKLIST:
1. Corpus Vile
2. An Evil Within
3. Dead Silence
4. Keep The Devil Away
5. Slumber Comes In Time
6. Black Nine
7. The Veiling Of Bettelheim’s Eye
8. The Revelation
9. Keep Cutting
10. The Madness That Lurks Within (Epilogue)

LINE UP:
Scucca - chitarre, synth, voce
Bendler - voce
Zorn - chitarre, basso, synth
Steve Joakim - batteria

GUESTS:
Mathilda Brunstrøm - viola
Karin Liljenberg Mansson - violino
Monika Gango - violoncello
Anette Gunnarsson - cori
Eva Eriksson - cori
Frida Matsdotter - cori
Karin Edstrand - cori
Lars Palmqvist - cori

opinioni autore

 
Il nuovo Zornheym è molto più che un momentaneo sonno della ragione 2022-09-25 16:39:04 Francesco Yggdrasill Fallico
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Francesco Yggdrasill Fallico    25 Settembre, 2022
Ultimo aggiornamento: 25 Settembre, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tra la fine degli anni ’90 e l’inizio del nuovo millennio abbiamo assistito all’esplosione dell’amore (non sempre così veritiero e viscerale) nei confronti di certi suoni sinfonici, sia in ambito Power che in ambito Black, con il conseguente ed inevitabile nascere di un’infinità di proposte musicali. Ecco che gli svedesi Zornheym tornano con il loro sound a cavallo tra questi due generi, ormai solo apparentemente così distanti tra loro, riportandoci indietro di diversi anni, attraverso queste brevi ed incisive cavalcate di metallo, ora classico, ora estremo, ma sempre infarcito di quella componente cinematografica tanto cara anche ai nostrani Rhapsody Of Fire. Che dire ai puristi dei due generi sopra citati? Se pensate di approcciarvi a questo lavoro con i preconcetti del caso, vi chiedo di starne alla larga, se invece volete godervi un po’ di Metal ben suonato e composto, con parti più riflessive e con qualche momento epico e battagliero… beh questo full-length fa al caso vostro. Ancora una volta la struttura melodica creata da Tomas Nilsson si rivela essere accattivante ed in grado di portarci attraverso questi 40 minuti, pur non facendoci gridare al miracolo, senza farci mai annoiare, complice anche una gradevole prova d’armi della formazione al completo, con un Bender sempre preciso e puntuale anche nei cambi di registro. Cori, orchestrazioni (con archi veri e musicisti reali!), intermezzi, soste e ripartenze, tutto ciò che vi aspettate e che, in fondo desiderate, lo troverete senza problemi in questo album. Concedetevi un tuffo nel vostro intimo più profondo, ancora una volta, lasciandovi trasportare attraverso ciò che accade nel manicomio di Zornheim, consci del fatto che, prima o poi, tutti ne andremo a far parte.
“…stay away, dont’ want to be free!!!”

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Un debut album pienamente soddisfacente per gli australiani Black Lava
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Scozia il buonissimo Death Metal della one man band Mycelium
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Amon Amarth: un nuovo album sufficiente per dar vita ad un altro tour sfavillante
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
U.D.O.: i colossi del metallo teutonico
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Whirlwind, una perla ispirata ai Running Wild
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una bomba di Power Metal chiamata Induction
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Conor Brouwer’s Call of Eternity, una nuova metal opera dall'Olanda
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un'altra interessante realta caraibica: gli Omnifariam
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Black Ancestry: Black Metal vecchio stampo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Neptune, direttamente dagli anni '80
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Whiteabbey: un'altra splendente gemma nascosta nell'underground
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Wildfire: new Classic Metal sensation
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla